Black Friday: sale la febbre nera da shopping!

Black Friday: sale la febbre nera da shopping!
Pubblicità
Medium Rectangle - 300 x 250 pixel

18 Novembre 2018
Categoria: Retail

Uno dei giorni dell’anno più attesi da commercianti e consumatori è il “Black Friday” (venerdì nero), una giornata in cui i negozi propongono sconti straordinari dando di fatto il via alla stagione dello shopping natalizio.

Il Black Friday 2018 è ormai alle porte, sarà il 23 novembre, e in attesa del suo arrivo ecco alcune curiosità legate a questa giornata particolare!

Se in Italia il Black Friday ha preso piede solo da pochi anni, oltreoceano esiste da moltissimo tempo. Si tratta infatti di una consuetudine nata negli Stati Uniti che ricorre sempre nello stesso giorno, il giorno successivo al Thanksgiving Day, il Giorno del Ringraziamento, che si celebra il 4° giovedì di novembre. La prima apparizione del Black Friday è stata nel 1924, quando la catena di distribuzione Macy’s organizzò per la prima volta una parata per celebrare l’inizio dello shopping natalizio. La tradizione, però, si è radicata fortemente solo negli anni 80 in pieno boom economico.

L’origine del termine Black Friday è incerta e, ad oggi, non esiste una versione ufficiale.

Secondo alcuni l’espressione Black Friday è nata a Filadelfia e sarebbe riferita al traffico sulle strade e dalla congestione nei negozi, che renderebbe appunto l’aria “nera”.

Un’altra teoria invece farebbe riferimento alle annotazioni sui libri contabili dei commercianti, che tradizionalmente passavano dal colore rosso (perdite) al colore nero (guadagni). Il Black Friday sarebbe dunque associato all’espressione “Back in Black” (letteralmente “tornare in nero”), indicando un giorno di grandi guadagni per le attività commerciali.

Quando arriva il Black Friday è consueto vedere lunghe code di gente formarsi fuori dai negozi, tutti con un unico obiettivo: entrare prima degli altri nella speranza di accaparrarsi i migliori prodotti in promozione, con sconti che possono arrivare fino al 90% del prezzo originale. Fino a qualche anno fa alcuni americani, addirittura, per poter avere accesso agli sconti prima della “massa”, trascorrevano la notte del Giorno del Ringraziamento nei sacchi a pelo davanti ai negozi, accalcandosi poi all’entrata fin dalle prime ore del mattino. Da almeno un decennio, per smaltire un po’ di folla, i venditori al dettaglio sono passati dall’apertura direttamente allo scoccare della mezzanotte nella notte del Ringraziamento stesso…è nato così il “Grey Thursday” (Giovedì Grigio)!

In Italia tuttavia la giornata dei prezzi più convenienti dell’anno si celebra principalmente online e fino al lunedì successivo, denominato Cyber Monday, ovvero la giornata dedicata ai super sconti relativi ai prodotti di elettronica.

Lo sapevate che…

Lo shopping può essere pericoloso? Nel 2008 un impiegato di WalMart venne travolto dalla folla e morì praticamente schiacciato da un’orda di persone alla ricerca di prodotti scontati. Sempre nel 2008, in California, due tizi si spararono a vicenda per ottenere l’ultimo giocattolo da regalare ai propri figli. Morirono entrambi. Molto più nota la vicenda della donna che, per annientare i “nemici” di shopping, spruzzò un’intera bottiglietta di spray al peperoncino. Una ventina di persone vennero letteralmente azzerate con lo spray e furono costrette a tornare a casa con gli occhi doloranti. Esiste una pagina che tiene il conto (abbastanza macabro) dei morti e dei feriti collegati con il Black Friday. Stando ai dati di questo contatore, ad oggi in America i morti sono 10 e i feriti 111. 

Fonte: a cura di Exportiamo, di Miriam Castelli, redazione@exportiamo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Pubblicità
Leaderboard - 728 x 90 pixel