Commercio estero extra UE: a febbraio export -2,5%, import +1,1%

Commercio estero extra UE: a febbraio export -2,5%, import +1,1%
Pubblicità
  • Sei in regola con la FDA?
  • Incoterms 2020 Download

26 Marzo 2018
Categoria: Marketing Internazionale

I dati Istat diffusi questa mattina, relativi a febbraio 2018, segnalano un calo (-2.5%) dell’export Made in Italy e un aumento (+1.1%) dell’import verso i paesi extra UE.

Il calo dell’export coinvolge quasi tutti i raggruppamenti principali di industrie, e in modo particolarmente significativo l’energia (-12,7%), i beni di consumo non durevoli (-6,6%) e i beni di consumo durevoli (-6,2%).

Sul lato importazioni invece a febbraio 2018 si registra una crescita congiunturale per l’energia (+10.8%) ad eccezione dei beni di consumo non durevoli (-4.0%), beni di consumo durevoli (-3.4%) e beni intermedi (-2.3%). Tuttavia, al netto della componente energetica, si rileva un decremento congiunturale degli acquisti (-2.3%).

La performance del nostro export extra europeo, nell’ultimo trimestre dell’anno, si mostra negativa (-2.1%) e determinata dai beni strumentali (-9,3%) e dall’energia (-6,8%). Contrastano la tendenza decrescente l’aumento dei beni di consumo non durevoli (+3,7%), dei beni di consumo durevoli (+3,2%) e dei beni intermedi (+2,8%); nello stesso periodo le importazioni registrano un aumento (+2,2%), particolarmente ampio per l’energia (+10,4%).

A livello tendenziale le esportazioni sono in espansione (+0.1%) con una crescita marcata per i beni intermedi (+5,0%); invece le importazioni su base annua sono in flessione (-2,0%) coinvolgendo quasi tutti i comparti ad eccezione dell’energia (+5,4%) e dei beni intermedi (+2,8%).

Guardando a febbraio 2018, l’Istat rileva che il surplus commerciale si è attestato su 1.986 milioni di euro, valore aumentato rispetto a quello dello stesso mese del 2017 (+1.716 milioni); inoltre, nell’interscambio di prodotti non energetici, l’avanzo è più ampio e raggiunge i 4.974 milioni, rispetto ai 4.487 milioni di febbraio 2017.

Nel 2018 i Paesi extra Ue che hanno maggiormente incrementato i loro acquisti di Made in Italy sono stati Svizzera (+11.7%), paesi MERCOSUR (+8.9%), Turchia (+3.9%) e Russia (+3.1%) mentre fra le sorprese in negativo spicca il dato proveniente dai paesi OPEC (-9,2%), Giappone (-8,7%) e Cina (-9,7%).

Per le importazioni di beni, si rileva una dinamica tendenziale decrescente: in particolare, gli acquisti di beni da paesi ASEAN (-24,9%), India (-15,3%), Svizzera (-10,6%) e Giappone (-5,9%) presentano una flessione sostenuta.

Infografica: Carlotta Desideri

Fonte: a cura di Exportiamo, di Morvarid Mahmoodabadi, redazione@exportiamo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
  • Servizi Digital Export
  • FDA
  • Vuoi esportare in russia?
  • Esportare negli USA
  • CSCMP ITALY
  • Esportare in Canada
  • Sito Web
  • Vuoi esportare in sudafrica?
  • Come Operare in Modo Sicuro in Russia?
  • Vuoi esportare in russia, Turchia e nei paesi CSI?
  • Esportare in Brasile