Commercio estero: giù export ed import ma sale il surplus commerciale

Commercio estero: giù export ed import ma sale il surplus commerciale
Pubblicità
  • Esportare negli USA
  • Esportare in Canada
  • Incoterms 2020 Download

17 Aprile 2018
Categoria: Marketing Internazionale

Sono stati diffusi oggi i dati ISTAT sul commercio estero relativi al mese di febbraio 2018 in cui si registrano contenute flessioni sia per le esportazioni sia per le importazioni (entrambi i cali sono pari al -0,6%).

La flessione dell’export rispetto al mese di gennaio 2018 deriva da due dinamiche di flusso contrapposte: da una parte la diminuzione delle vendite verso i mercati extra Unione europea, pari a -2,5%, dall’altra, un incremento verso le piazze europee, pari al + 0,9%. Diminuiscono l’energia (-5,9%) e i beni di consumo (-3,0%).

Nel trimestre dicembre 2017-febbraio 2018 si nota una leggera flessione congiunturale dell’export, pari a -0,1%, e che interessa l’area dei Paesi extra europei (-2,1%), mentre quella relativa agli Stati membri registra un aumento pari al +1,6%. Nello stesso periodo l’import mostra una buona performance aumentando del +1,6%.

Rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, a febbraio 2018 la crescita dell’export (+3,9%) è dovuta esclusivamente all’area Ue (+6,9%), mentre i Paesi extra Ue sono rimasti stabili al +0,0%. Anche l’aumento dell’import (+0,5%) è dovuto all’espansione degli acquisti provenienti dall’area dei Paesi membri dell’Unione (+2,0%).

Tra i settori che contribuiscono maggiormente all’aumento dell’export rispetto ai dati disponibili nello stesso periodo dello scorso anno si evidenziano: mezzi di trasporto, autoveicoli esclusi (+14,1%), metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (+11,4%), apparecchi elettrici (+6,7%) e prodotti alimentari, bevande e tabacco (+4,9%).

I più importanti mercati di sbocco rispetto allo scorso anno sono: Svizzera (+11,7%), Francia (+7,2%) e Spagna (+6,2%).
A febbraio 2018 il surplus commerciale è pari a 3,1 miliardi di euro, ben 1,9 miliardi di euro in più rispetto a febbraio 2017. Al netto dei prodotti energetici la bilancia è attiva per 6,1 miliardi di euro.

Nei primi due mesi dell’anno l’avanzo commerciale raggiunge i 3,0 miliardi di euro con una crescita sostenuta sia per l’export (+6,6%) sia per l’import (+4,1%) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Nel mese di febbraio 2018 l’indice dei prezzi all’importazione dei prodotti industriali diminuisce dello 0,2% rispetto al mese precedente e aumenta dell’1,4% nei confronti di febbraio 2017. Al netto del settore energetico, l’indice diminuisce del -0,1% rispetto al mese precedente, ma aumenta del +0,1% rispetto all’anno scorso.

Fonte: a cura di Exportiamo, di Claudia Cavaliere, redazione@exportiamo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
  • Servizi Digital Export
  • FDA
  • Esportare negli USA
  • Exportiamo Academy
  • Esportare in Canada
  • Sito Web
  • Vuoi esportare in sudafrica?
  • Esportare in Brasile