Flixbus cresce: l’Europa non gli basta più e approda negli Stati Uniti

Flixbus cresce: l’Europa non gli basta più e approda negli Stati Uniti
Pubblicità
  • Incoterms 2020 Download

19 Maggio 2018
Categoria: Dogane e Supply Chain
Paese:  USA Germania

L’operatore tedesco ha deciso di esplorare nuove terre e macinare chilometri in nord America lanciando il guanto di sfida alla tradizionale Greyhound che accompagna turisti e americani da una costa all’altra dal 1914.

A cinque anni dal lancio in Europa, gli autobus verdi inizieranno a correre per le grandi autostrade americane da giovedì 31 maggio a partire da 28 città, tra cui Los Angeles, San Francisco, Las Vegas, San Diego e Phoenix. L’obiettivo è quello di arrivare a operare 1.000 collegamenti giornalieri entro la fine di quest’anno.

“Vogliamo approfittare del cambiamento in corso nel settore americano dei trasporti, che vede una crescente importanza di quelli pubblici e sostenibili”, così spiega la decisione di affacciarsi sul mercato americano André Schwämmlein, uno dei tre giovani imprenditori (insieme a lui Daniel Krauss e Jochen Engert) che hanno fondato Flixbus, che la gestiscono e di cui possiedono il 25 per cento (il resto è nelle mani di Silver Lake Management, di General Atlantic e di altre società di private equity).

Flixbus non si affaccia su un mercato semplice: le due sfide che si prospettano sono da una parte creare corse rapide e dirette fra città lontane e non direttamente servite da Greyhound, dall’altra la concorrenza sul modello low-cost perseguito da Megabus, già negli States.

Il network europeo ha ottenuto numeri molto significativi: 250mila corse al giorno verso 1.700 destinazioni in 27 paesi per un totale di 40 milioni di passeggeri nel 2017. Dal 2015 Flixbus è arrivata a Milano, poi è stata la volta della Francia; a novembre è arrivata in Olanda e da lì si è affacciata alle mete dell’est Europa. Gli autobus tedeschi hanno anche attraversato la Manica arrivando a Londra e Dover, in Inghilterra. Gli scali aumentano continuamente, una delle più recenti aperture è quella dell’aeroporto di Napoli – Capodichino.

“La mobilità può e deve essere un diritto per tutti. Con l’aiuto delle tecnologie più all’avanguardia, ci impegniamo da sempre a fornire ai nostri passeggeri la migliore esperienza di viaggio, offrendo loro un servizio innovativo e green per scoprire il mondo”, ha affermato André Schwämmlein, fondatore e ceo di FlixBus. “Il nostro modello di business ha completamente rivoluzionato la concezione del viaggio in autobus in Europa, e ora siamo entusiasti di portare questa novità anche negli Stati Uniti”.

Nonostante i bilanci di Flixbus non siano pubblici e pertanto non è dato sapere quanto profitto stia realizzando, gli analisti di Wall Street ritengono che la strategia del gruppo europeo sia quella di acquisire rotte e sempre maggiori porzioni di mercato, consentendo alle società di equity di continuare a finanziarne l’espansione. L’obiettivo ultimo sarebbe poi la quotazione in Borsa. Il mondo è ancora grande e ci sono tempo e spazio per ampliarsi ancora un po’.

Fonte: a cura della redazione di Exportiamo, redazione@exportiamo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
  • Servizi Digital Export
  • FDA
  • Vuoi esportare in russia?
  • Esportare negli USA
  • Exportiamo Academy
  • Simest
  • Esportare in Canada
  • Sito Web
  • Vuoi esportare in sudafrica?
  • Come Operare in Modo Sicuro in Russia?
  • Vuoi esportare in russia, Turchia e nei paesi CSI?
  • Esportare in Brasile