L’innovazione guida la rivoluzione dei sistemi di trasporto del futuro

L’innovazione guida la rivoluzione dei sistemi di trasporto del futuro
Pubblicità
  • Salone Franchising Milano

08 Agosto 2019
Categoria: Dogane e Supply Chain

I sistemi di trasporto moderno stanno subendo importanti cambiamenti grazie all’adozione di nuove tecnologie in fase di sperimentazione, che segneranno senza dubbio un nuovo capitolo nel settore dei trasporti, migliorando l’efficienza delle nostre realtà quotidiane.

In Europa il 49,3% delle merci movimentate si muove su camion e, considerando soltanto l’Italia, la percentuale sale al 59%. Dunque, l’importanza del trasporto su strada attualmente svolge un ruolo fondamentale se consideriamo la movimentazione di merci e persone.

Il settore della mobilità sarà soggetto di importanti cambiamenti e le aziende dovranno essere pronte a cogliere le opportunità che verranno loro offerte. La maggior parte di esse si fonderanno su un pilastro fondamentale: il rispetto ambientale.

Al giorno d’oggi il tema ambientale ha una rilevanza fondamentale e la mobilità del futuro non potrà che essere “green” ed andare di pari passo con gli sviluppi eco-sostenibili quali lo studio di nuove tipologie di carburante al fine di ridurre al minimo le emissioni.

L’autostrada elettrificata in Italia

Anche l’Italia vuole fare la sua parte rendendo i trasporti sempre più sostenibili con la sperimentazione del trasporto elettrico su gomma tramite l’autostrada elettrificata, progetto e-Highway, che mira ad un processo di cambiamento verso un sistema di trasporto sostenibile. Diversi studi, infatti, affermano che le autostrade elettrificate possono rappresentare un’alternativa in grado di ridurre in modo significativo le emissioni di CO2. La prima autostrada elettrificata in Italia, sarà ospitata dall’A35 Brebemi con l’installazione di linee aeree di corrente che consentiranno ai mezzi di trasporto di viaggiare attaccati alla rete. Il passo successivo previsto sarà un’autostrada ad economia circolare con produzione di energia elettrica tramite pannelli fotovoltaici.

In particolare si vuole dotare l’autostrada in entrambe le direzioni di una linea elettrica sospesa che alimenti i veicoli in circolazione, i quali potranno circolare all’esterno della corsia in modalità elettrica, grazie alle batterie di cui dispongono, o tramite il motore a combustione interna.

I veicoli elettrici che si guidano da soli a Dubai

L’innovativo sistema di trasporto pubblico, Next Future Transportation, opera del 32enne italiano Tommaso Gecchelin, prevede l’utilizzo di mezzi di trasporto elettrici, quindi rappresentati da una componente a basso impatto ambientale, e modulari.

I moduli sono realizzati con una tipologia di alluminio leggero e resistente e riescono a trasportare circa 10 passeggeri. I veicoli sono alimentati ad energia elettrica e possono appunto congiungersi tra loro. Tra le modalità di impiego di questi moduli è prevista la possibilità di utilizzarli come taxi senza conducenti in un contesto in cui sia consentita la guida autonoma. I passeggeri, infatti, tramite un’applicazione possono chiamare il veicolo specificando le esigenze di mobilità ed il servizio si può adattare in tempo reale alle richieste, sganciando un modulo e indirizzandolo in modo che raggiunga l’utente e lo conduca nel posto desiderato. Nel caso in cui un’unica cabina non sia sufficiente, è possibile comporre più moduli elettrici in fila in modo automatizzato tramite un braccio meccanico ed un sistema di allineamento ottico, senza necessità di intervento umano.

In futuro questo innovativo sistema di trasporto potrà essere utilizzato come auto privata, come camper unendo più cabine insieme ma anche come mezzo pubblico per il trasporto di persone, così da avere autobus la cui lunghezza rispecchi effettivamente l’esigenza del momento: pochi moduli in serata o durante il periodo notturno mentre più moduli da combinare nelle ore di punta.

Amazon sperimenta i droni per le consegne

Con Amazon pronto al lancio di Prime Air, il settore delle consegne sembra non avere limiti. Lo scorso 5 giugno a Las Vegas, infatti, il colosso dell’e-commerce ha presentato l’innovativo sistema di trasporto tramite un drone, che potremo trovare tra le modalità di spedizione del sito.
Il velivolo elettrico, già noto dal 2013 quando era in grado di effettuare spedizioni di piccole dimensioni, riesce a trasportare pacchi in meno di 30 minuti, volando fino a 15 miglia, con un sistema di atterraggio e decollo in verticale come un elicottero.
Il limite di peso della merce trasportata di 2,5 kg, garantisce la movimentazione del 75-90% degli articoli acquistati. La tecnologia alla base consiste in telecamere e sensori ottici che permettono al mezzo di muoversi evitando gli ostacoli: per rendere tranquilli i consumatori è stato infatti progettato un drone robusto e stabile che, grazie ai modelli di apprendimento automatico al suo interno, è capace di riconoscere gli ostacoli ed aggirarli.

Seguono l’esempio di Amazon, anche Google Alphabet lanciando il primo servizio di consegna droni pubblico in Australia con i Google Wings, ma anche il colosso logistico UPS che sta sviluppando un innovativo servizio di logistica con droni per la consegna di campioni medici in un campus ospedaliero della Carolina del Nord.

Hyperloop e il trasporto a lievitazione magnetica

Elon Musk con lo sviluppo dell’Hyperloop ha rivoluzionato il sistema dei trasporti, riducendo drasticamente i tempi di percorrenza su lunghe distanze.
Tutto ciò è stato realizzato sfruttando le potenzialità della lievitazione magnetica e dell’infrastruttura tubulare che caratterizza il veicolo, grazie alla quale è possibile ricreare il vuoto, cosi che i convogli possano viaggiare oltre i 1000 km/h.
La soluzione sarà sicura e sostenibile dal punto di vista ambientale consentendo alle persone di raggiungere posti lontani in tempi non immaginabili e portando ad un cambiamento che andrà a minare i ritmi della quotidianità.
La nuova tecnologia non va considerata esclusivamente per il trasporto dei passeggeri, ma potrà essere utilizzata anche per la movimentazione delle merci diminuendo così gli impatti ambientali e l’inquinamento.

E’ dunque evidente come i progressi tecnologici e le innovazioni semplificheranno sempre di più le nostre vite mantenendo un occhio di riguardo verso il miglioramento ambientale e la diminuzione dei consumi energetici e dell’inquinamento.

Fonte: a cura di Exportiamo, di Giulia Rocchetti, redazione@exportiamo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
  • FDA
  • Salone d'impresa