Una metodologia in 3 Step per acquisire clienti su LinkedIn

Una metodologia in 3 Step per acquisire clienti su LinkedIn
Pubblicità
  • Salone Franchising Milano

11 Settembre 2019
Categoria: Digital Export

LinkedIn rappresenta la rete di professionisti più grande al mondo con oltre 645 milioni di utenti diffusi in più di 200 Paesi. Il social network dedicato al business rappresenta oggi uno degli strumenti più efficaci per ricercare opportunità di affari online. Vediamo in 3 Step come fare.

Per molte, se non addirittura tutte le tipologie di business, LinkedIn offre rilevanti opportunità di ricerca clienti e affari, sia nazionali che esteri. Il social dei professionisti infatti consente di entrare in contatto con il più vasto numero di utenti online legati al mondo degli affari, non solo interessati a rimanere aggiornati sulle tematiche a loro più vicine ma anche a sviluppare la loro impresa e la loro attività in un network internazionale.

Basta sapere come fare!

Ecco 3 “semplici” passi da seguire per portare alla tua attività nuovi lead di valore e potenzialmente convertibili in veri e propri clienti soprattutto sui mercati esteri.

1) Conosci il tuo Target e connettiti

Come per qualsiasi altra attività di Web Marketing, anche l’utilizzo di LinkedIn come strumento per ricercare lead presuppone uno studio accurato del target. Il social dei professionisti permette infatti di targetizzare molto accuratamente aspetti relativi ai potenziali clienti come nessun altro strumento è in grado di fare: l’esempio più lampante è la professione, che su LinkedIn è normalmente visibile come informazione spesso pubblica del profilo.

Avere ben chiaro la professione o il settore nel quale lavora il nostro perfetto cliente potenziale ci permette di targetizzare tutta l’attività di ricerca e concentrare gli sforzi delle successive attività esclusivamente su lead di nostro effettivo interesse. In genere si cerca di puntare su utenti che prendono le decisioni all’interno di un’azienda come i direttori e responsabili di dipartimento o lo stesso CEO dell’impresa.

Una volta chiarito il target ed eventualmente il Paese di destinazione, il primo passo da compiere è ricercare gli utenti che corrispondono ai nostri criteri, semplicemente ricercando su LinkedIn a cosa siamo interessati e impostando eventualmente i filtri che ci interessano, come ad esempio informazioni sul Paese, regione o città che abbiamo individuato.

Una volta davanti alla lista dei risultati non rimane che cominciare a collegarsi con i profili che sembrano maggiormente interessanti per i nostri obiettivi. Bisogna tenere a mente che gli utenti su LinkedIn sono molto più propensi ad avviare relazioni con persone che non conoscono rispetto a quanto farebbero su una Email o su una Landing Page: trattandosi di un portale sul quale si entra esclusivamente per fare affari e rimanere aggiornati sui temi ai quali siamo maggiormente interessati, il livello generale degli utenti che vi navigano è molto elevato e la fiducia generale che si ha al suo interno è molto elevata.

Ad esempio, se siamo un’azienda che produce attrezzature per negozi di parrucchieri, tramite LinkedIn è possibile trovare utenti che lavorano per catene di negozi di questo genere, gli Chief Executive Officers (CEO), i direttori dei punti vendita o i responsabili acquisti con i quali è possibile entrare in contatto per avviare potenziali relazioni commerciali. Possiamo soprattutto acquisire informazioni interessanti consultando i profili e seguendo le attività di questi utenti selezionati, leggendo cosa scrivono nella piattaforma, quali link condividono, a quali gruppi appartengono e le loro esperienze di lavoro precedenti. Possiamo inoltre trovare informazioni su eventuali concorrenti già presenti nel mercato ed intuire se e come sono già presenti sul mercato e che tipo di strategie distributive e commerciali hanno adottato. L’attività sopra descritta, sebbene possa sembrare tipica di un investigatore, può tornare molto utile quando si entrerà in contatto con l’utente selezionato perché si disporrà già di informazioni che permetteranno di rendere più fluida e professionale un’eventuale dialogo (scritto o verbale). Il processo di internazionalizzazione è sempre data divren, è un lavoro del genere tornerà sempre utile se condotto con costanza e precisione.

2) Messaggio: stabilisci una conversazione

Una volta fatto il primo passo, ovvero stabilito il collegamento, il secondo step prevede di entrare in contatto con l’utente stabilendo una prima conversazione.

A questo scopo, la tecnica più efficace prevede di inviare un messaggio breve e conciso, nel quale si propone un primo contatto diretto. Infatti, messaggi eccessivamente lunghi nei quali si elencano tutti i servizi o i prodotti che si offrono o ancora gli innumerevoli motivi per i quali la vostra offerta è diversa da tutte le altre non fa altro che disincentivare l’utente a leggere e spingerlo a ignorare il vostro messaggio.

La struttura che offre maggiori possibilità di conversione è la seguente:

“Buongiorno [Utente], È un piacere essere entrato nel tuo network. Avresti tempo questa settimana per una breve chiamata? Saluti [Nome]”

Il messaggio diretto a un profilo LinkedIn, tra le altre potenzialità, offre il fatto di mandare in automatico una notifica tramite mail all’utente, così che, anche se quest’ultimo non dovesse essere sempre presente sul social, riceverà un messaggio nella casella di posta, che nella maggior parte dei casi è quella che utilizza maggiormente e che monitora giornalmente. Ci sono inoltre diverse altre funzionalità di messaggistica e di servizi (ricercare lavoro o proporne uno, pianificare una pubblicità, etc.) che è possibile attivare mediante la sottoscrizione di abbonamenti come quello premium business che consente anche di vedere chi abbia visualizzato (tra gli utenti target contattati e/o consultati) il nostro profilo sulla piattaforma.

A questo link puoi ottenere maggiori informazioni sugli abbonamenti premium offerti da LinkedIn e le loro funzionalità.

3) Avvia una negoziazione

Una volta entrato in contatto con l’utente e aver fissato una call non ti resta che avviare una potenziale negoziazione. Le metodologie di approccio con un potenziale cliente nel mondo “reale” sono un elemento soggettivo e non possono essere insegnate, sono cioè personali e si differenziano e adattano da persona a persona.

Il metodo sopra elencato consente di accumulare Lead di valore ed interessate a fare business, una volta ottenuto il contatto, il resto tocca a te e alla tua arte di saper negoziare e proporre i tuoi prodotti/servizi!

Se sei interessato a scoprire quali altre potenzialità offre il digitale a te e alla tua attività leggi il nostro articolo su come trovare partner ed investitori all’estero grazie al digitale.

Per ottenere ulteriori informazioni o ricevere una consulenza, contattaci scrivendo all’indirizzo digital@exportiamo.it o chiamando al numero 06 59 19 749.

Fonte: a cura di Exportiamo, di Federico Milone, redazione@exportiamo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
  • FDA
  • Salone d'impresa