Commercio Estero: a Maggio 2020 Ripartono le Esportazioni del Made in Italy

Commercio Estero: a Maggio 2020 Ripartono le Esportazioni del Made in Italy
Pubblicità
  • Sei in regola con la FDA?
  • Esportare negli USA
  • Esportare in Canada
  • Incoterms 2020 Download
  • Sito Web
  • Vuoi esportare in sudafrica?
  • Vuoi esportare in russia, Turchia e nei paesi CSI?

16 Luglio 2020
Categoria: Marketing Internazionale

Questa mattina l’Istat ha pubblicato il consueto aggiornamento dei dati sul commercio estero italiano relativo al mese di maggio 2020, rilevando un incremento per entrambi i flussi commerciali, con particolare riguardo per l’export, in crescita del +35% rispetto all’import che aumenta del +5,6%.

Dai dati emerge che il forte incremento mensile dell’export è da ascriversi sia alle vendite verso i mercati Extra-UE, in accelerazione del +36,5%, sia alle esportazioni verso l’area UE, in crescita del +33,7%.

Tuttavia, nel periodo marzo-maggio 2020 si evidenzia comunque una tendenza congiunturale fortemente negativa dei flussi commerciali, a causa delle forti perdite rilevate nei mesi precedenti, con il calo delle esportazioni pari al -29% e le importazioni in contrazione del -27,7%.

Su base annua, a maggio 2020 l’export rileva una forte flessione pari al -30,4%, tendenza in attenuazione rispetto al mese di aprile (-41,5%), che riguarda sia i mercati Extra-UE (-31,5%), sia quelli UE (-29,4%). Dal lato delle importazioni si rileva un rallentamento più marcato pari al -35,2%, dovuto sia alla diminuzione degli acquisti da Paesi Extra-UE (-38,2%), sia da Paesi UE (32,9%).

Tra i comparti merceologici che contribuiscono maggiormente alla flessione tendenziale delle esportazioni si evidenziano: macchinari e apparecchi n.c.a (-29,9%), metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (-24,4%), articoli sportivi, giochi, preziosi, strumenti musicali e medici e altri prodotti n.c.a. (-57,8%), altri mezzi di trasporto, autoveicoli esclusi (-38,9%), articoli in pelle, escluso abbigliamento, e simili (-45,7%), articoli di abbigliamento, anche in pelle e in pelliccia (-49,0%) e autoveicoli (-46,2%).

Sempre su base annua, i mercati che contribuiscono maggiormente al rallentamento delle vendite estere sono: Francia (-33,8%), Germania (-23,0%), Stati Uniti (-26,8%), Spagna (-39,6%) e Regno Unito (-35,5%).

Dall’inizio dell’anno a maggio 2020 la flessione tendenziale dell’export è pari al -16,0% ed è da ascriversi in particolare al calo delle vendite di macchinari e apparecchi n.c.a. (-22,4%), metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (-14,9%), autoveicoli (-34,5%) e articoli in pelle, escluso abbigliamento, e simili (-30,4%).

Il saldo commerciale a maggio 2020 si stima in aumento di +199 milioni di Euro (da +5.385 milioni a maggio 2019 a +5.584 milioni a maggio 2020). Al netto dei prodotti energetici il saldo è pari a +6.603 milioni di Euro (era +8.777 milioni a maggio 2019).

Infine, nel mese di maggio 2020 si stima che i prezzi all’importazione diminuiscano del -0,1% rispetto ad aprile 2020 e del -8,6% rispetto a maggio 2019.

Fonte: a cura di Exportiamo, di Federico Milone, redazione@exportiamo.it

Infografica: Morvarid Mahmoodabadi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
  • Servizi Digital Export
  • FDA
  • Esportare negli USA
  • Esportare in Canada
  • Sito Web
  • Simest - Ibs italia
  • Vuoi esportare in sudafrica?
  • Vuoi esportare in russia, Turchia e nei paesi CSI?
  • Digital Transformation
  • Esportare in Brasile