ASEZA, la Zona Economica Speciale di Aqaba offre Nuove Opportunità per il Made in Italy in Giordania

ASEZA, la Zona Economica Speciale di Aqaba offre Nuove Opportunità per il Made in Italy in Giordania
Pubblicità
  • Sei in regola con la FDA?
  • Incoterms 2020 Download

10 Giugno 2021
Categoria: Marketing Internazionale
Paese:  Giordania

Grande interesse e attenzione per la missione istituzionale/promozionale dell’Ambasciata d’Italia e di ICE Agenzia programmata ad Aqaba, sulla costa giordana affacciata sul Mar Rosso, nei giorni 6 e 7 giugno 2021.

Tra i vari incontri realizzati, l’Ambasciatore Cassese ha avuto modo di incontrare Nayef Bakhit, il chief Commissioner di ASEZA, la Aqaba Special Economic Zone Authority.

A conferma del fatto che il Made in Italy continua ad essere riconosciuto come sinonimo di alta qualità, design e innovazione, mantenendo una posizione di privilegio nei gusti e nelle scelte di acquisto ed utilizzo, focus dell’incontro è stata l’individuazione delle modalità di cooperazione tra ASEZA e la parte italiana nel campo dello sviluppo dell’industria alimentare, farmaceutica e dell’energia solare, con l’obiettivo di prevedere, tra le altre azioni, degli “opportunity days” ad Aqaba per attirare investitori dall’Italia, oltre all’organizzazione di giornate turistiche e culturali coinvolgendo tour operator italiani per favorire una ripresa degli incoming dei turisti italiani ad Aqaba e non solo.

Il Porto di Aqaba, l’unico del Paese, gode di una posizione vantaggiosa che gli ha permesso di diventare, anche a seguito dell’instabilità in Iraq, un vero e proprio “hub” per l’intera regione, soprattutto per il traffico dei containers e ricopre pertanto un ruolo strategico nei programmi di sviluppo del Regno. La Zona Economica Speciale di Aqaba si conferma un centro economico strategico della Giordania: oltre a una serie di incentivi in ambito doganale e fiscale (ad esempio quasi totale assenza di imposte commerciali a fronte del 16% nel resto del Paese) che si applicano alla Zona Economica Speciale, infatti a partire dal 2004 l’Aqaba Development Corporation (di proprietà dell’ASEZA per il 51% e del Governo per il 49%) promuove e partecipa a progetti di investimento tramite la partnership pubblico-privato.

La ASEZA è strategicamente situata al crocevia di quattro paesi, si estende sul bordo settentrionale del Mar Rosso, su una superficie di 375 kmq nell’estremo sud del Regno Hascemita di Giordania e un lungomare lungo 27 km, confinando con il Regno dell’Arabia Saudita, Israele e le acque territoriali della Repubblica Araba d’Egitto. La regione ha conosciuto uno sviluppo notevole nei 20 anni dalla creazione della ZES, trasformandosi da piccola città costiera e unico porto del regno a centro avanzato a livello regionale mediorientale, offrendo importanti servizi di logistica e trasporto multimodale.

Secondo le elaborazioni ICE sui dati dell’Osservatorio Economico MAECI, nel 2020 l’Italia è risultato l’ottavo paese fornitore della Giordania per un valore pari a 449 mln € con una quota pari al 3% mentre nel mese di gennaio 2021 tale quota è scesa al 2,7% portando l’Italia al decimo posto, con un import dall’Italia pari a 66,8 mln €. I dati di gennaio 2021 mostrano che i principali prodotti italiani importati dalla Giordania sono metalli di base e prodotti in metallo, macchine e apparecchi elettrici, prodotti alimentari, bevande e tabacco, articoli in gomma e materie plastiche.

Per ogni approfondimento sulle opportunità del mercato giordano, iracheno e palestinese, è possibile contattare l’ufficio ICE di AMMAN all’indirizzo amman@ice.it

Fonte: a cura della Redazione di Exportiamo, redazione@exportiamo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
  • Servizi Digital Export
  • FDA
  • Vuoi esportare in russia?
  • Esportare negli USA
  • Master Digital Export Manager
  • Esportare in Canada
  • Sito Web
  • Vuoi esportare in sudafrica?
  • Come Operare in Modo Sicuro in Russia?
  • Vuoi esportare in russia, Turchia e nei paesi CSI?
  • Esportare in Brasile