Tessile-abbigliamento: nel 2014 torna di moda l’export

Tessile-abbigliamento: nel 2014 torna di moda l’export
Pubblicità
  • Sei in regola con la FDA?
  • Incoterms 2020 Download
  • Export Smart Summit
  • Sito Web
  • CIIE - 2020
  • Simest
  • Vuoi esportare  in Germania e nei Paesi di lingua tedesca?
  • Vuoi esportare in russia, Turchia e nei paesi CSI?

17 Giugno 2014
Categoria: Marketing Internazionale
Paese:  Italia

Dopo un 2013 che ha visto un calo del fatturato di settore dello 0,7%,nel 2014 il settore tessile-moda mostra segnali di ripresa. Secondo i dati forniti da SMI, Sistema Moda Italia, che raggruppa non solo i marchi glamour ma anche le migliaia di piccole e medie imprese che si occupano della moda e dintorni, dopo un ennesimo anno grigio (nel 2012 era andata peggio e l’annus horribilis era stato il 2009) il tessile-moda nell’anno 2014 dovrebbe tornare a vedere la luce, con una crescita stimata per il fatturato del 3,6% (a quota 52,5 miliardi), per le  esportazioni del 5,6% e un miglioramento del saldo commerciale del 9,9%. 

 Tabella 1. Evoluzione dell’industria Italiana del tessile moda.Valori in milioni di euro

 Fonte: riealborazione a cura di Exportiamo su dati Istat.

Nello specifico SMI ha previsto per il primo semestre 2014 una crescita del fatturato pari al 2,1%, trainato dall’abbigliamento-moda (+2,8%) ma con anche il tessile che torna positivo (+0,4%). Le esportazioni saliranno dell’1,8% e il saldo si arricchirà di un ulteriore 7,3 con una leggera ripresa anche della domanda interna: +1,4%. “I prossimi sei mesi possono segnare un’inversione di tendenza, sia per la parte tradizionalmente più forte della filiera, quella dell’abbigliamento-moda - ha dichairato Claudio Marenzi, presidente di Sistema Moda Italia (SMI) - la buona notizia del 2013 era stata l’inversione di tendenza nell’export, tornato a crescere, anche se non abbastanza per compensare il calo del fatturato del settore, che c’era stato e l’ottima notizia é che il primo semestre 2014 si chiuderà in positivo per l’intera filiera, compresa la componente tessile, storicamente la più vulnerabile”. Quindi segnali ottimistici per un settore che nel Bel Paese conta quasi 50 mila aziende e oltre 410 mila addetti e più di 50 miliardi di fatturato, oltre la metà legati all’export. 

Le perdite del 2013. L’Italia ha perso posizioni nel ranking dei Paesi esportatori, ma é rimasta ugualmente sul podio. L’india, scalzando l’Italia, ha conquistato il secondo posto dietro la Cina. Secondo le statistiche pubblicate dal The Times of India, il valore dell’export globale di tessuti in Cina tra il 2012 ed il 2013 é passato da 246 a 274 miliardi di dollari (+11%) mentre l’India ha registrato una cresciuta da 33 a 40 miliardi di dollari (+21%). Guardando i numeri dell’Italia si registrano 36 miliardi di dollari mentre la Germania si ferma poco sotto, a 35 miliardi di dollari. Non é andata bene nel 2013 neanche per quanto riguarda il numero delle aziende e degli addetti: hanno chiuso altre 1.450 aziende con una perdita di 11 mila posti di lavoro. E da questo punto di vista il trend non si inverte neppure nel 2014 anche se decelera e a pagar pegno saranno soprattutto le imprese di dimensioni più ridotte. Segno probabilmente, oltre che della crisi, anche di un cambiamento di processo produttivo e di posizionamento - verso l’alto - che sta portando alla chiusura delle aziende più piccole.

In occasione dell’assemblea dei soci di Sistema Moda Italia, avvenuta a Milano lo scorso 11 Giugno, Marenzi ha inoltre lanciato l’allarme riguardo i temi più caldi del settore come la certificazione d’origine del manifatturiero italiano e l’azzeramento dei dazi che dopo essere stato attuato per il Pakistan, che potrebbe riguardare anche il Vietnam: “Speriamo nel presidente Matteo Renzi. Quando era sindaco di Firenze il premier ha dimostrato di avere a cuore la vicenda, vediamo ora se con l’imminente semestre di presidenza italiana il nostro Paese prenderà una posizione netta in merito. L’azzeramento dei dazi ha provocato un incremento delle importazioni tessili del 28% dal Pakistan, se si replicasse con il Vietnam sarebbe disastroso per l’intero settore”. 

Segnialiamo agli esperti del settore l’intesa fra Sistema Moda Italia e Fiera Milano per l’rganizzazione della grande manifestazione dedicata agli stili di vita, con  l’ obiettivo di aiutare e accompagnare le aziende del tessile sui mercati esteri più importanti sia con il salone di Milano che con quelli all’estero. Il primo appuntamento é l’edizione russa di Homi a Mosca dal 13 al 15 ottobre di quest’anno.

Fonte: rielaborazioe dati da IlSole24Ore.

Pubblicità
  • Servizi Digital Export
  • FDA
  • Export Smart Summit
  • Sito Web
  • CIIE 2020
  • Simest - Ibs italia
  • Vuoi esportare  in Germania e nei Paesi di lingua tedesca?
  • Vuoi esportare in russia, Turchia e nei paesi CSI?