Commercio extra UE - aggiornamenti

Commercio extra UE - aggiornamenti
Pubblicità
  • Sei in regola con la FDA?
  • Incoterms 2020 Download
  • Export Smart Summit
  • Sito Web
  • CIIE - 2020
  • Simest
  • Vuoi esportare  in Germania e nei Paesi di lingua tedesca?
  • Vuoi esportare in russia, Turchia e nei paesi CSI?

01 Dicembre 2014
Categoria: Marketing Internazionale
Paese:  Italia

Dopo le stime sul commercio con l’estero relative al mese di settembre 2014 analizzate in un nostro precedente articolo, ecco come é andato il commercio con l’estero extra UE.

Purtroppo i dati non sono sempre positivi. Sia le esportazioni che le importazioni infatti nel mese di ottobre 2014 hanno registrato un declino, rispetto al mese precedente. L’export é diminuito soprattutto a causa del decremento subito dai beni strumentali, mentre l’import ha risentito della contrazione del mercato energetico.

imm 

Appare rassicurante il dato annuale. Le esportazioni sono infatti aumentate (+ 0,8%) grazie soprattutto all’aumento del commercio di beni intermedi (+ 2,5%). Mentre le importazioni anche su base annuale registrano segni negativi (- 7,8%) e come già detto in precedenza é il settore energetico che ne determina in buona parte l’andamento. Al netto di tale settore infatti i dati non sarebbero poi male. Le importazioni guadagnerebbero anche un segno positivo (+ 7,5%) dovuto all’incremento registrato negli altri comparti: beni di consumo (+ 10,1%) e beni strumentali (+ 8,5%).

Per quel che riguarda i Paesi alcuni partner commerciali non tramontano mai, é il caso degli USA (+ 9,8%), della Cina (+ 4,8%), della Turchia (+ 13,1%), dei Paesi del Mercosur (+ 3,3%) e dei Paesi EDA (+ 2,3%). I Paesi che hanno registrato cali nelle vendite sono invece: Giappone (- 21,7%), Russia (- 15,7%) e i Paesi ASEAN (- 10,6%), Svizzera (- 5,2%) e Paesi OPEC (-2,5%).

Per le importazioni in calo gli acquisti dai Paesi OPEC (- 29,9%) e Russia (- 19,6%). Bene invece l’import dai Paesi Mercosur (+ 34,2%), India (+ 30%), USA (+ 29,3%) e Cina (+ 13,2%). Leggermente più contenuto ma comunque positivi i dati dai Paesi EDA (+ 5%), i Paesi ASEAN (+ 3,9%) e dalla Turchia (+0,8%).

I prossimi dati saranno sicuramente significativi per la chiusura dell’anno. Sperando che si chiuda con un segno positivo e che apra un orizzonte più proficuo per le nostre imprese all’estero.

imm

 

 

Fonte: a cura di Exportiamo su dati ISTAT, di Francesca D’Agostino, redazione@exportiamo.it

Pubblicità
  • Servizi Digital Export
  • FDA
  • Export Smart Summit
  • Sito Web
  • CIIE 2020
  • Simest - Ibs italia
  • Vuoi esportare  in Germania e nei Paesi di lingua tedesca?
  • Vuoi esportare in russia, Turchia e nei paesi CSI?