Vitamina, il Primo Delivery di Integratori Alimentari “Personalizzati”

Vitamina, il Primo Delivery di Integratori Alimentari “Personalizzati”
Pubblicità
  • Incoterms 2020 Download
  • Germania

31 Marzo 2020
Categoria: Un'Italia da Export

Integratori alimentari personalizzati, 100% made in Italy e consegnati a domicilio, in pacchetti mensili cuciti sullo stile di vita del singolo cliente. Con Filippo Sala, CEO e co-founder della startup di Vitamina, abbiamo parlato della prima piattaforma online di personalizzazione e delivery di vitamine, che punta così a “digitalizzare” il settore degli integratori, finora dominato da farmacie e canali di distribuzione tradizionale.

Da dove nasce l’idea di Vitamina?

Nasce ad inizio 2017. Stavo collaborando da qualche mese con Teeser, una startup digitale che personalizza tshirt. Parlando con un amico di famiglia che avevo a che fare con il settore degli integratori, mi sembrò un’idea sensata approfondire il mercato visto che l’Italia è il primo mercato europeo per vendita di integratori alimentari. Dopo aver scritto il business plan, ho coinvolto i miei amici Marco (grafico) e Giovanna (farmacista) che adesso sono miei soci.

Da chi è composto il vostro team e quali sono le competenze più importanti per lo sviluppo e la crescita della vostra idea imprenditoriale?

Io ho studiato economia, Marco grafica e Giovanna è farmacista oltre ad avere una seconda laurea in scienze della nutrizione. A noi tre si è recentemente aggiunta Natascia, nostra nuova social media manager. Direi che il team è completo e ben assortito. Se posso, mancherebbe un programmatore interno, ma sono merce rara e molto costosi. Almeno in Italia.

Quali sono le principali difficoltà che una startup incontra nel mercato italiano?

Da una parte le difficoltà burocratiche. Non è un luogo comune italiano, è la realtà. Dall’altra il capitale. Il mondo start-up italiano è molto indietro e gli investimenti sono infinitamente inferiori rispetto a economie da top10 come la nostra.

Quali mercati internazionali pensate siano più attrattivi per il vostro business e quali quelli dove trovare più facilmente investitori o finanziamenti?

Altri mercati europei. Germania, Francia e UK in testa. Mercati simili per numero di abitanti che per affinità di utilizzo. A seguire anche la Spagna. Al momento però ci concentriamo sul mercato italiano, anche a livello di investimenti. La Germania, per il mondo startup rimane il paese probabilmente più evoluto insieme a UK. E i finanziamenti vanno di pari passo.

Partecipare a programmi di supporto e tutoraggio offerti da incubatori ed acceleratori italiani genera un’utilità ed un vantaggio competitivo per una startup?

Dipende dai programmi. Noi abbiamo avuto la fortuna di essere accelerati da Nana Bianca, un programma molto buono che ci ha dato una spinta iniziale importante e che a distanza di anni, continua a seguirci. Il capitale iniziale liquido che un programma può apportare è fondamentale. I fornitori, le consulenze, si pagano con moneta sonante, non con il know-how e servizi accessori.

Quale consiglio dareste ai giovani startupper che intendono sviluppare una propria idea in Italia?

Di essere preparati a cosa vanno incontro. E se posso, di non volare troppo in alto. La realtà è che l’Italia è un paese che non può al momento pensare di lanciare servizi tipo facebook, o in generale progetti che richiedono 5-10 anni di round a 6 cifre. Penserai allo sviluppo di un bel progetto, concreto, che possa andare abbastanza velocemente verso il break-even. Ci sono tanti settori da rilanciare, tanti prodotti da rivedere e tanti servizi da migliorare.

Obiettivi per il futuro…

L’obiettivo è quello di ampliare i canali distributivi. Pensiamo all’online, ma anche all’offline. Oltre al miglioramento di qualche prodotto e al lancio di almeno 5-10 integratori nei prossimi due anni.

Fonte: a cura della Redazione di Exportiamo, redazione@exportiamo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
  • Servizi Digital Export
  • FDA
  • Vuoi esportare in russia?
  • Esportare negli USA
  • Exportiamo Academy
  • Simest
  • Esportare in Canada
  • Sito Web
  • Germania
  • Vuoi esportare in sudafrica?
  • Come Operare in Modo Sicuro in Russia?
  • Vuoi esportare in russia, Turchia e nei paesi CSI?
  • Esportare in Brasile