Uova di cioccolato e colomba pasquale, chi ha vinto la sfida?

Uova di cioccolato e colomba pasquale, chi ha vinto la sfida?
Pubblicità
  • Sei in regola con la FDA?

22 Aprile 2019
Categoria: Food & Beverage

I protagonisti delle festività pasquali sono ovviamente loro, i dolci, e più precisamente le uova di cioccolato da un lato e la colomba dall’altro.

Come ogni anno, la Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola media impresa agroalimentare ha condotto un’analisi sul consumo dei dolci più apprezzati dagli italiani durante le festività pasquali.

Complessivamente, la spesa prevista per colombe e uova si aggira sugli oltre 400 milioni di euro, di cui 250 milioni destinati all’acquisto di oltre 16 milioni di uova di cioccolato e 170 milioni per il consumo di colombe.

Con riferimento a quest’ultima categoria, la colomba più venduta è quella tradizionale: glassa di mandorle sottilissima, granella di zucchero e mandorle pelate a coprire un dolce soffice dall’impasto giallo intenso, cui qualche produttore aggiunge uva passa e/o canditi. Tuttavia sul mercato si sono affacciate numerose varianti per soddisfare gli italiani più inclini alla sperimentazione ed innovazione come le colombe farcite con il tiramisù o con frutta esotica candita. 

Tra le uova di cioccolato, invece, la variante cioccolato al latte si conferma la più venduta, in grado di soddisfare il gusto di grandi e piccini.
E se non stupisce che a vincere la sfida dei dolci pasquali sia l’uovo di cioccolato, stupisce invece la presenza sempre più forte della pastiera napoletana sulla tavola degli italiani con l’auspicio di uscire dai confini partenopei e diventare un dolce nazionale.

Infine, per coloro che per motivi di linea scelgono di non concedersi questo peccato di gola, riportiamo i risultati di una interessante ricerca condotta da Harvard. È stato dimostrato come il cioccolato, specialmente fondente con un contenuto di cacao superiore al 70%, non solo non faccia ingrassare ma aiuti a vivere più a lungo: attraverso una sperimentazione condotta su un campione di 7.841 persone di 65 anni per cinque anni, si è riscontrato come coloro che mangiavano cioccolato tre volte al mese vivevano più a lungo (36% di rischio di mortalità in meno) rispetto a quelli che ne facevano a meno.

“Peccare” fa quindi bene alla salute ma, come in tutte le cose, bisogna ricordarsi di avere la giusta misura e non indurre troppo nella dolce tentazione!

Fonte: a cura della Redazione di Exportiamo, redazione@exportiamo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
  • Summer Fancy Food Show 2019
  • Exportiamo Incontra SACESIMEST-728x90