Food Made in Italy, la svolta viene dai mercati asiatici

Food Made in Italy, la svolta viene dai mercati asiatici
Pubblicità
  • Incoterms 2020 Download
  • 24ore business school

23 Luglio 2016
Categoria: Food & Beverage

La buona tavola, è senza dubbio uno dei patrimoni più grandi su cui il Belpaese può contare ma siamo proprio sicuri di riuscire a valorizzarlo nella maniera più adeguata?

I dati sull’export di cibo Made in Italy, pur in espansione (+2% circa), offrono più di un motivo di riflessione specialmente se si opera un confronto con i risultati ottenuti da altri Paesi che avrebbero certamente più di qualche ragione per invidiare la nostra cultura culinaria.

Ebbene sì, francesi, americani e (udite udite!) tedeschi stanno dimostrando una crescente capacità di penetrare i mercati internazionali spesso a discapito dei prodotti nostrani ed è per questo che l’obiettivo dei 50 miliardi annui di export del settore agroalimentare sembra debba essere rimandato dal 2020 al 2024.

Questo è quanto sostiene la piattaforma Agrifood Monitor che evidenzia come la chiave per il rilancio italiano sia un piano investimenti mirati su mercati a più alto tasso di crescita economica come quelli asiatici, in virtù del fatto che ancora oggi siamo troppo dipendenti dai mercati comunitari sui quali accumuliamo ben il 63% dei nostri ricavi del comparto Food&Beverage.

Oggi il valore del nostro export agroalimentare è pari a solo il 50% di quello francese e vale solo il 12,5% di quello a stelle e strisce: fare di meglio è un dovere imperativo viste le eccellenze che caratterizzano le nostre produzioni agroalimentari!

Pubblicità
  • Servizi Digital Export
  • FDA
  • Vuoi esportare in russia?
  • Esportare negli USA
  • Exportiamo Academy
  • Simest
  • Esportare in Canada
  • 24ore business school
  • Sito Web
  • Vuoi esportare in sudafrica?
  • Come Operare in Modo Sicuro in Russia?
  • Vuoi esportare in russia, Turchia e nei paesi CSI?
  • Esportare in Brasile