L'export va ma il numero di imprese esportatrici non decolla

L'export va ma il numero di imprese esportatrici non decolla
Pubblicità
  • Sei in regola con la FDA?
  • Incoterms 2020 Download
  • Export Smart Summit
  • Sito Web
  • CIIE - 2020
  • Simest
  • Vuoi esportare  in Germania e nei Paesi di lingua tedesca?
  • Vuoi esportare in russia, Turchia e nei paesi CSI?

18 Ottobre 2017
Categoria: Management & Servizi

Mentre l’export italiano si avvia a far segnare un altro record in termini di valore c’è un dato che dovrebbe far suonare un campanello d’allarme a livello istituzionale: l’internazionalizzazione in Italia è trainata da un numero di imprese ancora troppo contenuto. A livello numerico la crescita c’è ma è ancora lenta: sono infatti solo 7mila le nuove imprese che si sono affacciate sui mercati internazionali nel 2015, rispetto alla media del 2005-2014.

Per questo il Carlo Calenda, Ministro del MISE, ha parlato del tema senza usare mezzi termini: “Il grado di internazionalizzazione delle nostre imprese è ancora insufficiente. Solo quando raggiungeremo il rapporto export/PIL della Germania (di poco sotto il 50%) potremmo essere soddisfatti. Il numero di imprese che esportano resta troppo basso”.

Sebbene lo stanziamento di risorse destinate ai processi d’internazionalizzazione relativo al prossimo triennio 2018-2020 sia piuttosto consistente (si parla di circa € 200 milioni) probabilmente un buon risultato si otterrebbe concentrando il maggior numero di fondi sulla formazione interna di export manager, figure in grado di muoversi agevolmente sui mercati internazionali e, soprattutto, capaci di generare profitti per le aziende.

In questo senso un primo passo è certamente la riproposizione del voucher per l’internazionalizzazione, uno strumento che, se utilizzato anche per attività di coaching e formazione, potrebbe lasciare in dotazione alle PMI (che risulteranno beneficiarie del contributo a fondo perduto) un preziosissimo bagaglio di know-how.

Questo nel medio-lungo periodo, potrebbe fare molto più la differenza (in positivo) rispetto all’ottenimento di qualche ordine estero “spot” cui però non segua una adeguata e strutturata strategia di internazionalizzazione.

Pubblicità
  • Servizi Digital Export
  • FDA
  • Export Smart Summit
  • Sito Web
  • CIIE 2020
  • Simest - Ibs italia
  • Vuoi esportare  in Germania e nei Paesi di lingua tedesca?
  • Vuoi esportare in russia, Turchia e nei paesi CSI?