La “To Do List” 2019 per diventare manager di successo

La “To Do List” 2019 per diventare manager di successo
Pubblicità
Medium Rectangle - 300 x 250 pixel

13 Gennaio 2019
Categoria: Management e Servizi

Anche quest’anno fa capolino la nostra amata To Do List, ricca di buoni propositi per l’anno nuovo. Prima di buttare giù la lista ripensando a ciò che non ha funzionato l’anno prima, ripetiamo a noi stessi: “quest’anno sarà diverso, mi organizzerò diversamente, sarò più preparato”. Dopo una certosina opera di sano autoconvincimento arriva il momento di iniziare a pensare alle azioni da mettere in campo per affrontare al meglio il nuovo anno.

Un mantra sempre valido e che ripaga sempre è: Investire su sé stessi.

Con questo obiettivo stampato nella mente, abbiamo pensato di proporvi la nostra To Do List.

1) Imparare una nuova lingua. Sempre più si richiede in ambito lavorativo di interfacciarsi con persone di Paesi stranieri con lingue e culture differenti e quando ciò accade, ci si ritrova a dover fare i conti con un forte imbarazzo e senso di inadeguatezza, non si riesce a comprendere il nostro interlocutore e la comunicazione diventa impossibile. L’unico modo per superare questi ostacoli è cimentarsi nello studio della lingua dei propri clienti o dei partners lavorativi. Così facendo si accorceranno le distanze, si agevoleranno le relazioni e sarà più facile stringere dei rapporti commerciali più solidi e sinceri.

2) Leggere di più. Sapere è potere, recita così l’aforisma del filosofo Sir Francis Bacon, che non poteva pensare ad espressione migliore per poter descrivere il potere che deriva dalla conoscenza che si conquista attraverso la lettura. Leggere amplia i nostri orizzonti, ci permette di accedere ad una conoscenza che non credevamo raggiungibile e spesso muta la percezione che abbiamo di noi stessi e del mondo, ma soprattutto sviluppa ed affina il nostro spirito critico. 

3) Stare al passo con le nuove tecnologie. Conoscere e saper usare l’ampia gamma degli strumenti tecnologici è una skill sempre più richiesta dal mercato del lavoro e sempre più lo sarà. Pensare di investire in un corso di digital marketing, potrebbe rivelarsi una scelta vincente e all’occorrenza l’asso nella manica che può far emergere dalla folla.

4) Potenziare il networking online ed offline. In un mondo dove tutti sono connessi, l’online rappresenta l‘opportunità di raggiungere una platea di potenziali contatti più ampia e creare nuove partnership in tempi brevi. Non va dimenticato tuttavia che le relazioni vanno curate anche nel “mondo reale” e che ogni occasione di contatto, anche in un ambiente informale, può trasformarsi in grandi opportunità.

5) Pensare ad un corso di formazione in export management. Le aziende italiane sono sempre più orientate verso i mercati esteri e per questo motivo sono alla continua ricerca di professionisti qualificati, gli export manager, che si occupino della promozione e della commercializzazione di prodotti/servizi aziendali sui mercati internazionali. Frequentare un corso ad hoc potrebbe permettervi di entrare a far parte di questo mondo. Fate però attenzione a non sprecare tempo e denaro in corsi che non portano risultati. Per consigli scrivici a formazione@exportiamo.it o visita il sito della nostra academy.

6) Lavorare sul pensiero laterale. Edward DeBono, psicologo maltese, che ha coniato questo termine, intende una particolare modalità di risoluzione dei problemi immaginando nuove forme e prassi di lavoro, più creative. Più precisamente, parla di due tipologie di persone, i «lateralisti» e i «verticalisti». Mentre quest’ultimi sono più inclini a usare forme canoniche di pensiero, rigorose e logiche, le modalità dei «lateralisti» di affrontare un determinato problema, sono quelle che usano un pensiero pre-logico che procede non in modo sequenziale, ma effettuando scarti laterali e balzi in avanti. Allenare il pensiero laterale si rivela dunque utile per superare ostacoli che si credevano insormontabili perché incoraggia la creatività e l’apertura verso nuove idee.

Ma come si possono aumentare le probabilità di successo della nostra To Do List?

Il segreto sta da una parte nell’essere psicologicamente pronti e desiderosi di cambiare e dall’altra di essere capaci di valutare le proprie risorse, le giuste tempistiche e porsi obiettivi limitati e precisi. In questo modo i risultati non tarderanno ad arrivare.

Adesso tocca a voi!

Fonte: a cura di Exportiamo, di Francesca Simonelli, redazione@exportiamo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Leaderboard - 728 x 90 pixel