12 Ott
Officine PNRR: Investimenti e Opportunità per un Sistema Infrastrutturale più Moderno, Digitale e Green

Officine PNRR: Investimenti e Opportunità per un Sistema Infrastrutturale più Moderno, Digitale e Green
Pubblicità
  • Esportare negli USA
  • Esportare in Canada
  • Incoterms 2020 Download
  • Vuoi esportare in Spagna?

dal   12-10-2022   al   12-10-2022
Tipologia: Formazione

Dove: Online
Luogo: Webinar
Orario:  dalle   17:00
Sito: https://bit.ly/3CwtwXN

Il corso “Officine PNRR: Investimenti e Opportunità per un Sistema Infrastrutturale più Moderno, Digitale e Green” si terrà il 12 ottobre dalle ore 17:00.

Un sistema infrastrutturale moderno, digitale e sostenibile rappresenta un asset strategico per lo sviluppo economico di un Paese. La capacità di generare impatti positivi in diversi settori dell’economia italiana, sia in fase di costruzione delle infrastrutture che successivamente attraverso l’utilizzo delle stesse, costituisce infatti un significativo vantaggio per l’operatività e competitività delle imprese.

Attualmente, la rete infrastrutturale del trasporto in Italia sconta delle carenze che hanno progressivamente comportato delle lacune e dei ritardi rispetto ai principali peer europei: nella classifica mondiale per la qualità delle infrastrutture del Global Competitiveness Report 2019 del World Economic Forum, l’Italia si posiziona dietro tutte le più avanzate economie europee (18° posto su 141 Paesi), evidenziando pertanto dei significativi margini di miglioramento.

In tale contesto, il nostro PNRR rappresenta un’occasione storica. Delle risorse richieste dall’Italia per realizzare gli interventi previsti nel Piano, €40,01 miliardi saranno infatti utilizzati per la realizzazione di opere infrastrutturali e riforme a esse collegate da parte del Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili (MIMS). Ad integrazione dei fondi europei, si aggiungono risorse nazionali complementari pari a €20,11 miliardi per quei progetti a maggior grado di complessità, per un valore di risorse europee e nazionali di competenza del MIMS per oltre €60,12 miliardi.

Nello specifico, la Missione 3 del Piano è dedicata alle “Infrastrutture per una mobilità sostenibile” e mira a rendere, entro il 2026, il sistema infrastrutturale più sostenibile e capace di rispondere alla sfida della decarbonizzazione indicata dall’Unione Europea con lo European Green Deal. A tali investimenti, si accompagnano quelli previsti nell’ambito della Missione 2 nella Componente “Energia rinnovabile, idrogeno, rete e transizione energetica e mobilità sostenibile”, finalizzati a contribuire al raggiungimento degli obiettivi strategici di decarbonizzazione attraverso l’aumento della quota di produzione di energia da fonti rinnovabili, il potenziamento delle infrastrutture di rete, lo sviluppo di un trasporto locale più sostenibile e la promozione di soluzioni basate sull’idrogeno.

Nel prossimo quinquennio, si attende inoltre una crescita di circa +3,2% in infrastrutture per l’energia elettrica e il gas trainati dalla spinta al green e alla transizione energetica, in una logica di accrescimento della tecnologia impiegata negli ambiti efficienza, sicurezza e sostenibilità ambientale.

In un contesto che ha registrato negli ultimi anni una riduzione – e contestuale concentrazione – del numero delle società attive nel settore infrastrutturale e, negli ultimi mesi, un incremento dei costi e delle difficoltà di approvvigionamento di materie prime energetiche e industriali, quali sono le sfide che le imprese italiane sono chiamate ad affrontare, direttamente e indirettamente, nella realizzazione di opere infrastrutturali? A che punto siamo con l’attuazione del PNRR e quali sono gli strumenti, italiani ed europei, a sostegno delle PMI per accedere ai finanziamenti posti oggi in essere?

A questi e altri quesiti risponderemo in questa tappa del ciclo «Officine PNRR», che vedrà la partecipazione della DG Move della Commissione europea, dell’Unità di missione PNRR del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile, ENEA e SACE. Il webinar sarà inoltre l’occasione per approfondire gli strumenti e le soluzioni che SACE, come attuatore del Green New Deal italiano, può fornire a loro supporto per una gestione della liquidità aziendale strategica e sostenibile e per affrontare le sfide che il settore infrastrutturale sta affrontando nell’attuale contesto economico e geopolitico.

Programma

17.00 Apertura lavori

Mariangela Siciliano, Head of SACE Education

17.10 – 17.25 NextGen EU e mobilità sostenibile: investimenti europei per la rivoluzione verde nel settore dei trasporti

Gaspare L’Episcopia, DG MOVE, Commissione europea

17.25 – 17.40 Risorse e riforme del PNRR: come le infrastrutture potranno e dovranno crescere

Marina Benedetti, Ufficio Studi, SACE

17.40 – 17.55 Il ruolo strategico del MIMS e opportunità per le imprese

Davide Ciferri, Coordinatore Unità di missione PNRR del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile

17.55 – 18.10 Garanzia Green e gli strumenti SACE a supporto

Mario Melillo, Responsabile Corporate Finance e Canali Indiretti, SACE

18.10 – 18.25 Scenari, tecnologie e accumuli per la mobilità sostenibile

Antonino Genovese, Laboratorio Sistemi e tecnologie per una mobilità sostenibile, Dipartimento Tecnologie Energetiche e Fonti Rinnovabili, ENEA

18.25 Q&A e Chiusura lavori

Per iscriversi cliccare qui.

Pubblicità
  • Servizi Digital Export
  • FDA
  • Esportare negli USA
  • Exportiamo Academy
  • Esportare in Canada
  • Sito Web
  • Vuoi esportare in sudafrica?
  • Vuoi esportare in Spagna?
  • Esportare in Brasile