Google Rinuncia ad Aprire un Nuovo Ufficio a Dublino (per ora)

Google Rinuncia ad Aprire un Nuovo Ufficio a Dublino (per ora)
Pubblicità
  • Sei in regola con la FDA?
  • Incoterms 2020 Download
  • Export Smart Summit
  • Sito Web
  • CIIE - 2020
  • Simest
  • Vuoi esportare  in Germania e nei Paesi di lingua tedesca?
  • Vuoi esportare in russia, Turchia e nei paesi CSI?

15 Settembre 2020
Categoria: Real Estate & Infrastrutture
Paese:  Irlanda

Google è famosa per il suo ambiente di lavoro sempre colorato, stimolante, improntato alla promozione del talento e alla libertà delle idee. E così le sue sedi nel mondo, che rispecchiano alla perfezione questo modo di concepire l’attività lavorativa.

Ma il Coronoravirus ha spinto BigG a ripensarci ed abbandonare i piani per ampliare gli uffici a Dublino. La multinazionale del web, che aveva intenzione di affittare uno spazio destinato a ben 2.000 lavoratori, ha infatti accantonato uno dei più grandi affari immobiliari della città negli ultimi anni.

L’immobile, situato presso il Sorting Office accanto alle banchine della capitale irlandese, è un ex ufficio postale di 18.700 metri quadrati che è stato trasformato in un moderno palazzo commerciale con giardino sul tetto, una palestra ed oltre 300 posti per le bici.

Google è uno dei più grossi player presenti sulla scena immobiliare dublinese: il suo quartier generale, che si trova al centro della città a Barrow Street, nella zona chiamata “Silicon Docks”, ospita migliaia di lavoratori ed uffici.

“Dopo molte discussioni, Google ha deciso di non procedere”, ha spiegato una portavoce dell’azienda in una risposta via e-mail alle domande di Bloomberg, senza però motivare la scelta.

Scelta che potrebbe, però, essere legata al fatto che Google ha deciso di prorogare il remote working fino a luglio 2021 per tutti i dipendenti a causa della pandemia.

Il ceo Sundar Pichai, avrebbe deciso di rimandare il rientro in ufficio dopo un lungo confronto interno tra i manager della multinazionale. A motivare la decisione di Pichai, spiega il Wall Street Journal, sarebbe stata soprattutto la volontà di venire incontro alle esigenze dei dipendenti con figli che potrebbero dover affrontare un anno scolastico con lezioni da remoto.

Fonte: a cura della Redazione di Exportiamo, redazione@exportiamo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
  • Servizi Digital Export
  • FDA
  • Export Smart Summit
  • Sito Web
  • CIIE 2020
  • Simest - Ibs italia
  • Vuoi esportare  in Germania e nei Paesi di lingua tedesca?
  • Vuoi esportare in russia, Turchia e nei paesi CSI?