Points of Single Contact: gli sportelli unici per le imprese europee

Points of Single Contact: gli sportelli unici per le imprese europee
Pubblicità
  • Esportare negli USA
  • Esportare in Canada
  • Incoterms 2020 Download

09 Febbraio 2015
Categoria: Marketing Internazionale

Immaginate di voler aprire un’impresa in un Paese europeo diverso dall’Italia e di trovare tutte le informazioni di cui avete bisogno contenute in un unico sito isituzionale. Non soltanto le informazioni macroeconomiche ma anche: sulla previdenza sociale, sulle tasse, sui moduli da presentare, sulle certificazioni necessarie etc etc. Immaginate ora di essere riusciti ad aprire la vostra impresa tramite lo stesso sito, senza che nessuno sia dovuto andare a uno sportello in loco a riempire quintali di scartoffie. Non solo: sempre tramite lo stesso sito immaginate di poter pagare le tasse, registrare i nuovi lavoratori assunti, cambiare la ragione sociale, poter avviare una procedura di fallimento e di poter compiere qualsiasi operazione che normalmente richiederebbe uno sportello e un impiegato pubblico. Un sogno?

Un’importante priorità dell’Unione Europea (non da oggi, ma già dalla scorsa legislatura) é il c.d. Digital Single Gateway, che nella mente di chi l’ha ideato dovrebbe essere un unico portale di accesso burocratico europeo valido per tutti i cittadini e le imprese. La roadmap per arrivare a questo ambizioso traguardo prevede anche l’istituzione dei Points of Single Contact, che sono rappresentati da quei portali online che forse siete riusciti a immaginare pochi secondi fa e che -udite udite- non solo esistono già, ma sono comodamente elencati su un’unica pagina del mega-sito della Commissione Europea (googolare per credere). Sogno realizzato, dunque? Non proprio.

Così come il cheeseburger del McDonalds non é mai uguale alla foto sul menu, il passaggio dalla teoria alla pratica non é indolore nemmeno per i Points of Single Contact, ed é per questo che alla fine di gennaio si é tenuta a Bruxelles una conferenza per valutare l’efficacia di questi portali. In quella sede é stata chiarita una prima differenza, già di per sé sufficiente a smorzare non poco l’estasi degli industriali accorsi: allo stato attuale i Points of Single Contact sono di prima generazione e hanno solo uno scopo informativo, mentre quelli interattivi (c.d. “seconda generazione”) che permettono di interagire con la Pubblica Amministrazione sono stati previsti ma non ancora adottati. Oltretutto, poiché l’adozione di questi strumenti non é vincolante per gli Stati Membri, ma viene praticata su base volontaristica, pare che anche sull’effettiva implementazione della prima generazione ci sia qualche problema. In particolare, i risultati preliminari di un assessment ad opera di Capgemini e Eurochambres hanno evidenziato diverse criticità, tra cui la lingua (per alcuni di questi portali é stata tradotta in inglese solo la homepage), la qualità delle informazioni non sempre eccellente, la scarsa intuitività di alcune sezioni, la presenza di più portali per gli Stati Federali e, in generale, il fatto che la costruzione di questi strumenti abbia seguito una logica molto burocratese e poco vicina alle imprese.

Che i Points of Single Contact rappresentino un’opportunità enorme per le imprese é un dato di fatto, così come lo é prendere atto del fatto che ad oggi l’opportunità sia in buona parte sprecata. Ciò tuttavia, rappresenta il prevedibile limite un approccio volontaristico a iniziative di questo tipo, e se ne deve essere accorta anche BusinessEurope quandoha esplicitamente chiesto ai rappresentanti della Commissione di intraprendere un’iniziativa legislativa che renda vincolanti questi strumenti. Inutile dire, a ulteriore conferma dell’importanza di un’effettiva implementazione di un servizio di questo tipo per le imprese, che udire la Confindustria europea mentre chiede di scrivere una legge anziché di eliminarne una é un evento più unico che raro. 

 

Fonte: elaborazione a cura di Exportiamo, di Marcello Moi, redazione@exportiamo.it

Pubblicità
  • Servizi Digital Export
  • FDA
  • Esportare negli USA
  • Exportiamo Academy
  • Esportare in Canada
  • Sito Web
  • Vuoi esportare in sudafrica?
  • Esportare in Brasile