Il contratto d'agenzia e di licenza in Iran

Il contratto d'agenzia e di licenza in Iran
Pubblicità
  • Salone Franchising Milano

16 Febbraio 2017
Categoria: Contrattualistica internazionale
Paese:  Iran

Dopo aver approfondito il tema del contratto di distribuzione e di franchising in Iran oggi esamineremo altre due forme contrattuali utilizzate nello Stato asiatico: il contratto d’agenzia ed il contratto di licenza.

Innanzitutto si ricorda che in Iran non ci sono norme speciali in materia di contratti di agenzia, di distribuzione, di franchising e di licenza pertanto, questo tipo di contratti, sono disciplinati da alcune norme di carattere generale.

Va inoltre citata “The Law Permitting Registration of Branches and Representative Office of Foreign Companies in Iran” poiché fornisce informazioni preziose circa le procedure da intraprendere per effettuare la registrazione di società estere in Iran.

Le forme contrattuali (commerciali) maggiormente utilizzate in Iran sono quattro: contratto di agenzia, contratto di distribuzione, franchising e contratti di licenza.

Oggi descriveremo brevemente due di esse ovvero il contratto di agenzia e il contratto di licenza.

Il contratto di agenzia

Il diritto di agenzia in Iran non è regolato da leggi speciali ed è necessario fare riferimento alla legge commerciale iraniana per ritrovare norme generali sul mediatore, l’agente e figure simili all’agente.

In Iran il contratto di agenzia è un contratto con il quale una delle parti (il preponente) nomina l’altra (agente) come suo rappresentante per la realizzazione di alcuni affari. Attraverso questo contratto, il rappresentante può avviare negoziati con i clienti al fine di concludere un contratto.

Il rappresentante agisce con portata generale all’interno dei confini stabiliti da una procura o da un contratto: esso non è il proprietario dei beni ma funge da mediatore e negoziatore per la conclusione del contratto.

Termini e condizioni per la risoluzione del contratto ed il pagamento di eventuali danni devono essere specificati all’interno del contratto.

Il contratto di agenzia può essere anche gratuito tuttavia, se nel contratto non è stabilita alcuna commissione per l’agente ma, al tempo stesso, non è esplicitamente dichiarata la gratuità del contratto, il rapporto di agenzia si presume oneroso.

L’agente deve sempre operare nell’interesse del preponente: se il preponente subisce una perdita per colpa dell’agente e l’agente è considerato la causa della perdita, esso ne sarà responsabile.

Il contratto di licenza

Stipulare un contratto di licenza significa concedere i diritti di proprietà ad un altro soggetto, senza che ciò implichi il trasferimento della stessa.

La legislazione iraniana non delinea nel dettaglio la forma e le condizioni dei contratti di licenza ma la legge sulla brevettabilità delle invenzioni e dei marchi permette agli “inventori” di concedere, parzialmente o totalmente, i diritti di sfruttamento delle loro invenzioni.

Tale tipo di autorizzazione può essere identificata come un contratto di licenza per la sua conformità alla definizione giuridica del licensing.

Inoltre è stabilito che qualsiasi transazione realizzata per il trasferimento di un brevetto o di altri diritti di sfruttamento di pertinenza deve essere registrata presso le autorità competenti.

Infine si rileva che in Iran esistono legislazioni speciali che disciplinano diritti analoghi anche per gli sviluppatori di software.

Fonte: a cura di Exportiamo, di Morvarid Mahmoodabadi,

redazione@exportiamo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
  • FDA
  • Salone d'impresa