Black Friday: si prevede un altro anno record in Italia e negli Stati Uniti

Black Friday: si prevede un altro anno record in Italia e negli Stati Uniti
Pubblicità
  • Salone Franchising Milano
  • Go International
  • World Marketing Summit Italia 2019 (WMS)

22 Novembre 2018
Categoria: Marketing internazionale
Paese:  USA

Il clima di fiducia tra i consumatori americani è alle stelle: secondo la National Retail Federation si prospetta un anno da record per gli acquisti tra novembre e dicembre. Ancora una volta si conferma in forte ascesa il numero degli shopper online con Amazon che punta con decisione sul settore dei giocattoli. Anche in Italia sarà un Black Friday da record grazie ad un giro d’affari previsto di oltre 1 miliardo di euro: un boom di cui beneficeranno anche i negozi fisici.

Ci siamo: come ogni anno negli Stati Uniti c’è frenesia per l’inizio del long weekend di shopping che parte ufficialmente con il Thanksgiving e si prolungherà fino al Cyber Monday. Secondo la National Retail Federation saranno 164 milioni i consumatori americani pronti a fare compere nei prossimi cinque giorni: 35 milioni acquisteranno durante il Thanksgiving, 116 milioni per il Black Friday, 67 milioni durante lo Small Business Saturday, 32 milioni domenica e ben 75 milioni effettueranno acquisti per il Cyber Monday.

In generale la NRF prevede compere per circa 720 miliardi di dollari tra novembre e dicembre con una crescita del 4,5% rispetto al 2017. Ogni consumatore spenderà mediamente 1.007,24$ (+4.1% rispetto al 2017) di cui 637,67$ per i regali di Natale, 215,04$ per cibo, decorazioni, fiori e cartoline di auguri, 154,53$ per ulteriori acquisti favoriti dagli sconti del periodo.

Matthew Shay, CEO della NRF, ha così commentato queste previsioni: ”Il livello di fiducia è ai massimi storici negli Stati Uniti, la disoccupazione è ai minimi da decenni e gli stipendi stanno aumentando. Tutto ciò si rifletterà anche sugli acquisti del periodo natalizio”. Inoltre, a dispetto dei dazi imposti sui prodotti Made in China, per quest’anno non è ancora previsto una ricaduta sui prezzi anche perché la maggior parte della merce è stata acquistata prima dell’entrata in vigore delle nuove tariffe.

Le preferenze dei consumatori americani

Tra le previsioni più interessanti vi sono quelle riguardanti gli acquisti online ed il mercato dei giocattoli che dopo le numerose chiusure di Toys “R” Us si prepara a crescere esponenzialmente su internet. Non a caso Amazon per la prima volta ha creato un catalogo giochi innovativo ad hoc con un codice QR “Scan&Shop” per controllare in tempo reale il prezzo sul portale.

Secondo i dati sulle preferenze d’acquisto della NRF il 55% degli shopper americani sono intenzionati a comprare online o in un department store, il 51% nei discount store, il 44% nei negozi alimentari e supermercati, il 33% nei negozi di abbigliamento, mentre il 24% nei negozi di elettronica. Seguono poi i piccoli negozianti locali (23%), artigiani (17%), farmacie (14%) e altri negozi specializzati (13%).

Tra i regali più graditi le gift card si confermano al primo posto per il dodicesimo anno di fila (60%), a seguire abbigliamento ed accessori (53%), libri/film/musica (37%), elettronica (29%), articoli per la casa (23%), gioielli (22%), cosmetici e prodotti per la cura del corpo (19%) ed articoli sportivi (18%). Tra i fattori di scelta del negozio a cui affidarsi oltre ovviamente agli sconti (71%) troviamo il numero dei prodotti in offerta e la qualità (60%), la spedizione gratuita (47%) e la convenienza logistica (45%). Altro dato interessante da segnalare è che il 50% delle persone che acquistano online preferiscono poi andare a ritirare il proprio prodotto direttamente in negozio.

In Italia previsto il boom per i negozi fisici

Attesa anche in Italia dove l’osservatorio eCommerce B2C Netcomm nei giorni tra il Black Friday ed il Cyber Monday prevede un aumento delle vendite del 35% rispetto allo scorso anno grazie ad un giro d’affari previsto superiore ad 1 miliardo di euro. Secondo un indagine di Tiendeo i consumatori italiani preferiscono ancora recarsi nei negozi fisici (7/10) alla ricerca del prodotto giusto. Il 21% intende acquistare esclusivamente online: mediamente ogni portale registrerà un fatturato giornaliero triplo rispetto a quello normale, mentre per i più aggressivi il fatturato potrebbe moltiplicarsi fino a 7 volte. Inoltre dalla ricerca emerge che il 30% degli italiani utilizzerà il proprio smartphone per fare affari online nei prossimi 4 giorni. Tra i prodotti più acquistati svettano quelli tecnologici (assistenti virtuali, cellulari, tv, console e piccoli elettrodomestici), capi di abbigliamento, articoli sportivi, prodotti di design, gioielli, cosmetici e profumi. Infine previsti in crescita gli acquisti di libri ed ebook, giocattoli, prodotti enogastronomici di nicchia, gift card, viaggi e pacchetti esperienziali come cene stellate e corsi di cucina.

Insomma anche in Italia sta crescendo esponenzialmente il fenomeno del Black Friday e del Cyber Monday, grazie soprattutto ad Amazon che sta investendo con decisione sull’e-commerce nel Belpaese. Infatti i dati rispetto agli altri principali Paesi europei mostrano un potenziale ancora inespresso: basti pensare che il fatturato generato online in UK (178 miliardi di euro), Francia (93,2 miliardi) e Germania (93 miliardi) supera di almeno 4 volte quello italiano (22,4 miliardi). Salvo alcune eccezioni, in Italia esistono ancora poche realtà capaci di integrare al meglio le vendite offline ed online attraverso una logica omnicanale e per questo non sorprende dunque che il 70% dei consumatori nel Belpaese preferisca ancora i negozi fisici per il proprio shopping natalizio.

Fonte: a cura di Exportiamo, di Anthony Pascarella, redazione@exportiamo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
  • FDA
  • Salone d'impresa
  • World Marketing Summit Italia 2019 (WMS)