Export online: le Sanzioni alla Russia Pesano sul Made in Italy

Export online: le Sanzioni alla Russia Pesano sul Made in Italy
Pubblicità
  • Esportare negli USA
  • Esportare in Canada
  • Incoterms 2020 Download

13 Aprile 2022
Categoria: Digital Export
Paese:  Russia

Anche l’ecommerce soffre per le sanzioni imposte dall’Occidente a Mosca. A fare il punto sulla situazione dell’e-commerce è stato Roberto Liscia, presidente di Netcomm, il Consorzio del commercio digitale italiano, che ha analizzato gli effetti delle sanzioni alla Russia sulle imprese italiane attive online, nell’attuale situazione di crisi economica internazionale. Le sanzioni alla Russia comporterebbero una perdita di “800 milioni di fatturato come conseguenza diretta della chiusura del mercato russo, una cifra pari al 6% del valore totale dell’export digitale italiano“.

La chiusura del commercio in Russia ha finito per abbattersi come una mannaia sulla testa di 130 aziende italiane attive nel territorio moscovita, per una perdita complessiva di 13 miliardi di euro. Ma non solo commercio diretto, anche l’e-commerce italiano ha finito per contare i danni: come specifica Roberto Liscia, “la Russia è uno dei Paesi più importante al mondo per i brand italiani” soprattutto per quanto concerne “la quota di export italiano generato dei canali on-line”.

La vendita online dei prodotti italiani era una diretta conseguenza del turismo russo perché, spesso i turisti appassionati della dolcevita che si respira nel belpaese, tendevano a comprare on-line i prodotti che conoscevano in vacanza direttamente in Italia. Ecco perché la battuta d’arresto nel settore dell’e-commerce per quanto concerne l’export online, riguarderà principalmente il settore fashion “che in Italia rappresenta il 53% dell’export on-line di beni di consumo, per un valore di circa 7,1 miliardi di euro“.

Già con la chiusura dei marchi in territorio Russo l’export europeo ha rinunciato a 63 miliardi di euro che interessavano soltanto i beni di lusso. Ma non soltanto il fashion verrà colpito, anche il Food e l’Arredamento “che in Italia pesano rispettivamente il 14% e l’8% sul valore complessivo dell’export digitale dei prodotti di consumo“. In totale le perdite si stimano tra i 700 e gli 800 milioni di Euro che equivalgono al 5-6% del valore totale dell’export digitale in Italia.

Tuttavia lo scenario geopolitico attuale sta andando nella direzione di eliminare definitivamente la Russia dalla scena e, parallelamente, consolidare il settore e-commerce per gli acquisti cross-border. Ne consegue che l’unica opportunità per compensare le perdite potrebbe essere rivolta al mercato interno, proprio a causa dell’incremento dell’inflazione dovuto all’aumento dei costi energetici. Per tenere a freno questa deriva, il settore dell’e-commerce potrebbe risultare strategico.

Il mercato in Russia tuttavia è ancora appetibile se si pensa che, l’acquisto online vale 20 miliardi di fatturato, di questo 14,8 sono prodotti al di fuori della Russia. Le aziende italiane inoltre, si avvalgono dei canali digitali per la vendita per il 56%. Il 75% di queste esporta tramite canali digitali prodotti e servizi equivalenti a meno del 20% del proprio fatturato totale.

Roberto Liscia però sottolinea l’importanza per le imprese italiane di “ragionare su altri mercati di sbocco” e di guardare oltre al mercato cinese, perché esistono “mercati maggiormente attrattivi per il nostro made in Italy come Indonesia, Turchia, Iran e Arabia Saudita per la propensione agli acquisti on-line“, in particolare di beni di lusso. Infine, l’Africa costituisce un mercato non ancora esploso, che “si sta velocemente digitalizzando, il ché suggerisce che ci sono ampi margini di crescita in ambito export digitale per le imprese nostrane“. Riguardo ai tempi di recupero secondo Liscia, “serviranno almeno due anni per compensare le perdite“.

Fonte: a cura della Redazione di Exportiamo, redazione@exportiamo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
  • Servizi Digital Export
  • FDA
  • Esportare negli USA
  • Exportiamo Academy
  • Esportare in Canada
  • Sito Web
  • Vuoi esportare in sudafrica?
  • Esportare in Brasile