Nel 2016 aumenta il numero di imprese femminili

Nel 2016 aumenta il numero di imprese femminili
Pubblicità
  • Incoterms 2020 Download
  • Germania

08 Marzo 2017
Categoria: Management & Servizi

Ieri, proprio alla vigilia della giornata dedicata alla celebrazione delle donne, Unioncamere ha diffuso dei dati incoraggianti per l’imprenditoria femminile: nel 2016 infatti si sono contate quasi 10mila imprese in più rispetto all’anno precedente.

L’incremento percentuale rispetto al 2015 è stato, a dire la verità, piuttosto modesto (+0,72%) se si guarda il totale di imprese “rosa” del Belpaese arrivato a quota un milione e 321.862 unità.

Ma in quali settori preferiscono investire e lavorare le donne italiane?

Oltre il 70% dell’impresa femminile italiana si concentra in cinque settori produttivi:

  • commercio;
  • agricoltura;
  • servizi di alloggio e ristorazione;
  • altri servizi;
  • manifattura.

In alcuni specifici ambiti produttivi la loro presenza è assai più consistente rispetto ad altri. Fra questi sanità (38%), noleggio, agenzie di viaggio e servizi di supporto alle imprese (26%), confezionamento di articoli di abbigliamento (43%), tessile (quasi il 30%) e nella pelletteria (25%).

Infine a livello regionale Molise, Basilicata e Abruzzo sono le regioni in cui il tasso di femminilizzazione raggiunge i livelli massimi mentre Trentino Alto Adige, Lombardia e Veneto quelle in cui l’incidenza delle imprese femminili sul totale è più bassa.

Pubblicità
  • Servizi Digital Export
  • FDA
  • Vuoi esportare in russia?
  • Esportare negli USA
  • Exportiamo Academy
  • Simest
  • Esportare in Canada
  • Sito Web
  • Ecwid
  • Germania
  • Vuoi esportare in sudafrica?
  • Come Operare in Modo Sicuro in Russia?
  • Vuoi esportare in russia, Turchia e nei paesi CSI?
  • Esportare in Brasile