Il ruolo delle dogane è delineato nel considerando n°16 del Codice Doganale dove si afferma che “il completamento del mercato interno, la riduzione degli ostacoli al commercio e agli investimenti internazionali e l’accresciuta necessità di garantire la sicurezza alle frontiere esterne dell’Unione hanno trasformato il ruolo delle dogane, assegnando loro una funzione di guida nella catena logistica e rendendole, nella loro attività di monitoraggio e gestione del commercio internazionale, un catalizzatore della competitività dei paesi e delle società”.

Nel Codice Doganale, inoltre, viene definito elemento essenziale l’uso della tecnologia nelle informazioni e nelle comunicazioni affinché venga assicurata la facilitazione del commercio e l’efficacia dei controlli, andando a ridurre i costi ed i rischi per le imprese.

Nel 2007 è stato attuato l’AES (Automated Export System), il progetto comunitario in grado di garantire controlli informatizzati per l’uscita dal territorio dell’Unione Europea delle merci dichiarate per l’esportazione verso Paesi terzi. L’AES è parte integrante del sistema ECS (Export Control System) che gestisce i rapporti tra gli uffici doganali di esportazione e gli uffici doganali di uscita sia nazionali che comunitari.

Il sistema informatizzato delle dogane (ECS) segue quindi tutto l’iter delle merci nelle differenti fasi.
In primo luogo l’esportatore deve inviare la dichiarazione doganale in via elettronica all’ufficio doganale di esportazione. Successivamente, dopo aver verificato le merci e accettato la dichiarazione di esportazione, viene assegnato un numero di riferimento MRN (Movement Reference Number) alla procedura. A questo punto l’ufficio di esportazione svincola le merci, a patto che queste si trovino ancora nelle condizioni in cui erano descritte nella dichiarazione di esportazione, ed infine consegna all’operatore economico il DAE (Documento di Accompagnamento Esportazione).

Avvenuto lo svincolo delle merci, in via elettronica, l’ufficio di esportazione trasmette i dati della dichiarazione doganale all’ufficio di uscita dove verranno presentati sia la merce sia il DAE e, solo a questo punto, la merce è abilitata all’uscita dal territorio comunitario.

Avvenuta l’effettiva uscita delle merci, l’ufficio doganale invia un messaggio elettronico con oggetto “Risultati di uscita” all’ufficio doganale di esportazione. Nel messaggio sarà contenuta la dicitura “Uscita conclusa” in caso di esito positivo, in caso contrario l’operatore dovrà rettificare la dichiarazione doganale presso l’ufficio di esportazione.

Lo stato di avanzamento della procedura è liberamente consultabile dagli operatori economici digitando sul sito dell’Agenzia delle dogane gli estremi del numero identificativo MRN, anche se di default è prevista la trasmissione del messaggio “I-visto” (visto uscire elettronico) per qualsiasi comunicazione telematica.

Fonte: a cura di Exportiamo, di Fabio Traversa, redazione@exportiamo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
  • Digital Export manager
  • Missione Commerciale in Sud Africa
  • Yes Connect
  • CTrade

Hai un progetto Export? Compila il Form

Pubblicità
  • Servizi Digital Export
  • Exportiamo Academy
  • Esportare in Canada
  • Uffici negli USA
  • Missione Commerciale in Sud Africa
  • CTrade
  • Vuoi esportare in sudafrica?