Come e perché investire in Armenia, la nuova porta del mercato eurasiatico

Come e perché investire in Armenia, la nuova porta del mercato eurasiatico
Pubblicità
  • Voucher Internazionalizzazione-Invitalia
  • Incoterms 2020 Download

22 Febbraio 2018
Categoria: Marketing Internazionale
Paese:  Armenia

L’Armenia è uno stato geograficamente piccolo ma molto importante dal punto di vista strategico perché situato al crocevia tra Europa ed Asia. Grazie alle politiche degli ultimi anni l’Armenia vanta oggi uno tra i regimi di investimento più aperti al mondo. Il Paese si colloca infatti al 47° posto fra 190 paesi nella classifica “Doing Business 2018” della Banca Mondiale (che “misura” la facilità o meno di fare impresa in un dato paese), e si classifica al 44° posto nell’Indice 2018 sulla libertà economica della Heritage Foundation. Scopriamo insieme il quadro giuridico e il piano di incentivi che rendono l’Armenia una meta particolarmente attraente per gli investitori esteri.

Quali sono le principali forme societarie esistenti?

Il Codice Civile della Repubblica d’Armenia (artt. 72-116) definisce le seguenti più comuni società commerciali con personalità giuridica:

  • Joint-Stock Company (aperte e chiuse) corrispondenti alle nostre Società Per Azioni. Per aprirle si deve depositare una somma pari a 1000 volte la paga minima mensile armena (attualmente 55,000 dram armeni, cioè circa 92 euro);
  • Limited Liability Company, ovvero le Società a Responsabilità Limitata. Sebbene non esista un requisito minimo per il capitale sociale è comunque consigliabile depositare una somma approssimativa di 50,000 dram armeni, equivalenti a circa 84 euro;
  • General Business Partnership, cioè le Società in Nome Collettivo;
  • Limited Business Partnership, ovvero le Società in Accomandita.

Al di fuori degli organismi con personalità giuridica, gli imprenditori stranieri possono comunque operare tramite una filiale o una rappresentanza.

Qualsiasi persona di qualunque nazionalità o residenza può essere direttore o investitore in una società armena. Alle società estere non è richiesto di tenere riunioni in Armenia, aprire conti in banche locali o assumere direttori, impiegati, agenti o segretari locali. Il patrimonio creato con i contributi degli investitori e quello prodotto o ottenuto dalla società commerciale con la sua attività appartiene agli investitori, secondo il diritto di proprietà.

Modalità operative di costituzione delle società

La legge armena garantisce un processo di formazione delle società molto snello che richiede solo pochi step ed è gratuito:

  1. registrazione presso il Registro di Stato delle Entità Legali del Ministero della Giustizia della Repubblica di Armenia: dal marzo 2011 è stata lanciata e sviluppata una procedura on-line per stabilire una compagnia in Armenia, conosciuta come One-Stop-Shop. La registrazione può essere completata in un solo giorno e la conferma dal Registro di Stato arriva in due giorni, previa verifica della correttezza e della completezza delle informazioni e dei documenti forniti;
  2. registrazione presso il Servizio Fiscale: avviene simultaneamente alla registrazione della società con il rilascio di un codice di pagamento da parte dell’Agenzia del Registro di Stato;
  3. rilascio del timbro aziendale (facoltativo): il timbro non è imposto per legge ma gli imprenditori tendono a richiederlo in quanto potrebbe essere richiesto successivamente durante le varie operazioni effettuate dalla società. Per ottenerlo è necessario procurarsi un permesso da parte della polizia locale e compilare un modulo di richiesta corredato dal certificato di registrazione, dallo statuto, dal numero identificativo di pagamento e dalla ricevuta bancaria attestante il pagamento di quanto dovuto per l’ottenimento del timbro.

Adempimenti fiscali e “Convenzione contro le doppie imposizioni”

In Armenia la pressione fiscale è al 23,8% contro una media europea del 33%. Il sistema fiscale armeno ha due tipi di tasse: quelle statali (IVA, imposta sul reddito, tassa sulle accise) e tasse locali (tassa sulla proprietà, tassa sui terreni).

L’IVA applicata è generalmente del 20%, ma ci sono varie eccezioni che prevedono l’esenzione totale per alcune transazioni e operazioni (ad esempio quelle connesse con aiuti umanitari e beneficenza, l’istruzione e il materiale scolastico ed educativo, i servizi finanziari e assicurativi, la fornitura di giornali e periodici, i medicinali veterinari, i fertilizzanti, le prestazioni sanitarie). Può essere pagata mensilmente oppure ogni 4 mesi, ma la scelta deve essere effettuata al momento della registrazione.

Anche l’imposta sugli utili, sia per i residenti che per i non-residenti è del 20%. Tuttavia, i dividendi, gli interessi e le royalties sono tassati al 10%.

Il 5 maggio 2008 è entrata in vigore la legge n. 190 del 25 ottobre 2007 con cui è stata ratificata la Convenzione tra i governi della Repubblica italiana e di Armenia per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio e prevenire le evasioni fiscali, firmata a Roma il 14 giugno 2002. Le imposte da tenere in considerazione per l’Armenia sono: l’imposta sugli utili, sul reddito, patrimoniale, sui terreni. La Convenzione prevede per entrambi i paesi l’imputazione ordinaria, con deduzione del credito d’imposta per le imposte assolte nell’altro paese contraente.

Incentivi e garanzie per gli investimenti

La legge sugli investimenti esteri fornisce agli investitori stranieri un trattamento non discriminatorio, applica la clausola della nazione più favorita, nonché diritti e privilegi chiave per gli investitori stranieri come: 

  • l’accesso illimitato a qualunque ambito economico ed in qualunque posizione geografica;
  • un periodo di ‘garanzia’ di 5 anni rispetto a eventuali modifiche legislative;
  • lo sfruttamento delle risorse naturali attraverso contratti di concessione;
  • la possibilità di essere titolari al 100% di proprietà;
  • la possibilità di rimpatriare proprietà e profitti senza limiti;
  • la possibilità di godere di un cambio di valuta a tassi di mercato;
  • l’assenza di restrizioni per quanto concerne l’assunzione di personale;
  • il pagamento posticipato dell’IVA fino a 3 anni per l’importazione nell’ambito di progetti di investimento previa decisione del governo;
  • privilegi sulla tassazione dei profitti per grandi esportatori o con creazione di posti di lavoro e di esenzioni fiscali in materia di attività agroindustriali, nel settore delle costruzioni e delle start-up tecnologiche.

L’Armenia ha inoltre firmato trattati bilaterali sulla promozione e protezione degli investimenti con 41 Paesi e per questo:

  • gode del Sistema di preferenze generalizzate (Spg) con il Canada, la Svizzera, il Giappone, la Norvegia e gli Stati Uniti, nonché del Sistema di preferenze generalizzate Plus (Spg+) con l’Ue;
  • ha accordi di libero scambio con la maggior parte dei Paesi Csi, (oltre 250 milioni di abitanti);
  • è membro dell’Uee con Russia, Bielorussia, Kazakistan e Kirghizistan, e gode di un accesso semplificato al mercato unico con 180 milioni di consumatori, del diritto di importare beni senza dazi doganali e dell’esenzione da formalità doganali.

Questi elementi, uniti alle caratteristiche geopolitiche ed economiche dell’Armenia, fanno di quest’ultima la porta ideale per l’accesso al mercato eurasiatico e iraniano.

Inoltre, attualmente sul territorio armeno esistono tre zone franche: la Meridian Free Economic Zone, specializzata in gioielli, diamanti e orologi; la Alliance Free Economic Zone, orientata alla produzione ed esportazione di prodotti nel campo dell’elettronica, delle biotecnologie, del design e delle energie rinnovabili; e la Meghri Free Economic Zone recentemente inaugurata al confine con l’Iran. Le società che ottengono l’autorizzazione ad operare nelle zone franche possono godere di ulteriori benefici con pressione fiscale uguale a zero per gli utili generati, l’IVA, la tassa sulla proprietà e le dogane.

Dove investire?

Su tutti spicca il settore agroindustriale, ed in particolare la filiera legata al biologico,in forte e costante crescita grazie alle strategie messe in campo dal governo volte a migliorare la produttività e rafforzare l’industria di trasformazione.

Poi le infrastrutture, in particolare quelle stradali e ferroviarie: il sistema infrastrutturale armeno risulta infatti parecchio datato ed ha urgente bisogno di ammodernamenti e miglioramenti per dare concretezza alla funzione di hub a cui l’Armenia aspira.

Un altro settore su cui puntare è quello energetico, perché, nonostante il recente boom delle rinnovabili, è diffusa la consapevolezza di dover aumentare la produzione di energia da fonti pulite (questo è un comparto dove tra l’altro sono disponibili finanziamenti di istituzioni internazionali).

Il turismo infine è un altro settore chiave dell’economia armena che registra tassi di crescita sostenibili e dinamici, comprovati sia dal numero di visitatori (1.494.779 nel 2017) che dagli investimenti diretti nella costruzione alberghiera ed infrastrutture correlate.

Il governo offre uno speciale approccio basato sulla domanda degli investitori per ogni singolo progetto di investimento, proponendo l’opzione di incentivi più efficace, un quadro giuridico favorevole e misure pratiche per facilitare i processi aziendali. Per favorire il collegamento tra investitori stranieri e nazionali ha inoltre lanciato una piattaforma che consente di esaminare i diversi progetti divisi per attività, settori o localizzazioni, ottenendo tutte le informazioni necessarie.

Vuoi approfondire le opportunità che la Russia, la Turchia e i Paesi CSI offrono alla tua impresa? Compila il form su questa pagina ed entra in contatto con uno dei nostri esperti.

Fonte: a cura di Exportiamo, di Miriam Castelli, redazione@exportiamo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
  • Servizi Digital Export
  • FDA
  • Vuoi esportare in russia?
  • Esportare negli USA
  • Exportiamo Academy
  • Simest
  • Esportare in Canada
  • Voucher Internazionalizzazione-Invitalia
  • Sito Web
  • Vuoi esportare in sudafrica?
  • Come Operare in Modo Sicuro in Russia?
  • Vuoi esportare in russia, Turchia e nei paesi CSI?
  • Esportare in Brasile