Toronto, città multietnica e sempre più “cool”

Toronto, città multietnica e sempre più “cool”
Pubblicità
  • Incoterms 2020 Download
  • Germania

23 Giugno 2019
Categoria: Expatriamo
Paese:  Canada

Toronto è la prima città del Canada per estensione nonché la capitale culturale, economica e amministrativa del Paese. È anche una delle mete più belle del continente nordamericano, ed unisce splendidamente architetture vertiginose, natura, arte e multiculturalità.

Anticamente abitata da tribù native, tra cui Irochesi e Uroni, Toronto venne fondata ufficialmente nel 1793, quando il governatore John Simcoe trasferì qui il governo della nuova provincia britannica del Canada superiore. Al tempo, però, il nome scelto per il territorio fu York. Il centro venne ribattezzato Toronto nel 1834. La sua evoluzione fu veloce e inarrestabile, fino a divenire l’odierna e spettacolare città tanto amata dai suoi abitanti e da tutti i visitatori che l’affollano.

Abitata da cittadini provenienti da 80 paesi diversi, Toronto è una città dove passato e presente, tradizione e innovazione convivono serenamente.

È la metropoli più sicura del Continente americano, quarta al mondo, nonostante i 5 milioni di abitanti e un incredibile mix etnico che ne ha fatto la metropoli più multiculturale del Pianeta con le sue 230 etnie, le lingue e i dialetti parlati (180) e il 51 per cento di residenti nati fuori dal Canada.

La città possiede il terzo più grande sistema di trasporto pubblico dell’America dopo New York e Città del Messico, e più di 1.600 parchi pubblici, distribuiti su 8.000 ettari, pari a circa il 13 per cento della superficie della città. La città sostiene le foreste urbane piantando circa 97.000 alberi ogni anno, e dispone di 5 campi da golf e 676 campi sportivi.

Toronto compare anche ai primi posti nella classifica delle città più attraenti per i giovani secondo lo Youthful Cities Index, che misura parametri quali partecipazione civica, diversità culturale, trasporti locali, accesso al digitale, sostenibilità ambientale, sicurezza e salute, accesso ai sistemi educativi, occupazione giovanile, imprenditorialità, accesso al credito, benessere economico, cibo e vita notturna, scena musicale e cinematografica, moda e arte, connettività globale e regionale, spazi pubblici per lo sport e le attività ricreative.

Non a caso l’Economist Intelligence Unit l’ha indicata all’ottavo posto tra le città con più alto livello di qualità della vita al mondo, mentre altre due città canadesi, Calgary e Vancouver, la precedono rispettivamente al quarto ed al sesto posto. La classifica è stata stilata tenendo conto di fattori quali la stabilità, l’attenzione alla salute, la cultura, l’eco-sostenibilità, l’educazione e le infrastrutture.

Ed anche per queste ragioni negli ultimi anni la città è divenuta meta preferita da molti giovani europei che vi trovano nuove opportunità di lavoro e, quindi, il luogo ideale in cui ricominciare una nuova vita.

D’altronde, Toronto è ad oggi una delle capitali mondiali più all’avanguardia quando si parla di lavoro in quanto ospita le sedi delle più grandi multinazionali del mondo nel settore della biotecnologia, della finanza, del turismo, nel settore aerospaziale e quello dei media e delle telecomunicazioni.

Toronto è famosa anche per essere uno dei centri finanziari più strategici del globo. Qui ha sede il Toronto Stock Exchange, una delle 10 maggiori borse più influenti della finanza mondiale.

Anche per chi vuole aprire un’attività propria grazie le opportunità non mancano dal momento che il sistema è decisamente vantaggioso e competitivo. Vale la pena ricordare infatti che nella classifica Doing Business 2019 stilata dalla World Bank, il Canada occupa la 22esima posizione su 190 Paesi.

Una città dalle mille sfaccettature insomma, che a ragione si è meritata una reputazione tanto brillante da renderla una delle mete preferite da expat, turisti ed imprese di tutto il mondo.
Il Canada ed in particolare Toronto devono molto ai tanti immigrati italiani che dopo la Seconda Guerra Mondiale sono arrivati oltre oceano per trovare fortuna e che hanno contribuito alla crescita economico e sociale del loro nuovo Paese adottivo. Il Canada oggi ospita circa 1.3 milioni di italo-canadesi, la sesta più grande comunità di Italiani al mondo e il quinto più grande gruppo etnico dopo Inglesi, Irlandesi, Francesi e Tedeschi. L’italiano è la terza lingua parlata nel Paese e la prima delle lingue non ufficiale. Secondo le statistiche nell’area di Toronto vivono circa 429.380 persone di origine italiana.

Non resta dunque che approfittare del clima estivo dei prossimi mesi (l’inverno è lungo e molto freddo) per visitarla e per apprezzare la crescita di una città che ha saputo accogliere, integrare e soprattutto innovare.

Fonte: a cura di Exportiamo, di Miriam Castelli, redazione@exportiamo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
  • Servizi Digital Export
  • FDA
  • Vuoi esportare in russia?
  • Esportare negli USA
  • Exportiamo Academy
  • Simest
  • Esportare in Canada
  • Sito Web
  • Ecwid
  • Germania
  • Vuoi esportare in sudafrica?
  • Come Operare in Modo Sicuro in Russia?
  • Vuoi esportare in russia, Turchia e nei paesi CSI?
  • Esportare in Brasile