Exportiamo Incontra il Vice Ministro degli Investimenti e del Commercio Estero dell’Uzbekistan Aziz Voitov

Exportiamo Incontra il Vice Ministro degli Investimenti e del Commercio Estero dell’Uzbekistan Aziz Voitov
Pubblicità
  • Esportare negli USA
  • Incoterms 2020 Download

17 Dicembre 2021
Categoria: Exportiamo Incontra
Paese:  Uzbekistan

Le opportunità di internazionalizzazione per le imprese italiane in Asia Centrale, ed in particolare in l’Uzbekistan, si muovono su un sentiero ancora poco battuto, ma i rapporti bilaterali possono giocare un ruolo molto importante per intensificare le relazioni. La più recente occasione si è presentata l’8 dicembre 2021 quando il Ministro Luigi Di Maio e il Sottosegretario Manlio Di Stefano hanno partecipato alla seconda edizione della Conferenza ministeriale a Tashkent in cui si è discusso di cooperazione economica e cooperazione interregionale. 

Naturalmente, le possibilità di cooperazione tra Italia e Uzbekistan sono molto più ampie: ne abbiamo parlato con il Vice Ministro degli Investimenti e Commercio Estero dell’Uzbekistan Aziz Voitov.

L’interscambio tra Italia e Uzbekistan è in forte crescita ma su livelli ancora piuttosto contenuti. Quali sono i settori che hanno il maggior potenziale per le aziende italiane? Quali quelli su cui puntate invece di più nell’export verso l’Italia e l’Europa? Quali sono i principali problemi da risolvere per un più rapido sviluppo delle relazioni commerciali tra i due Paesi?

La struttura della base industriale e delle materie prime esistenti in Uzbekistan, da un lato, ed il know-how italiano, dall’altro, ci consentono di espandere gli scambi e gli investimenti in quasi tutti i settori. Data la natura diversificata dell’industria e dell’agricoltura italiane, si può affermare che le nostre economie sono complementari per struttura e risorse. Sullo sfondo di queste opportunità, l’interazione commerciale ed economica dell’Uzbekistan con l’Italia ha oggi indicatori bassi e non corrisponde alle reali potenzialità dei nostri Paesi.

Per le imprese italiane ci sono prospettive di cooperazione nella modernizzazione di alcuni settori dell’economia dell’Uzbekistan come energia, industria petrolifera e del gas, metallurgia mineraria, industria chimica, farmaceutica, industria di trasformazione, lavorazione dei metalli, industria automobilistica, agricoltura, produzione di materiali da costruzione, prodotti tessili e abbigliamento confezionato, gioielli e, infine, turismo. Ad esempio, nell’industria petrolifera e del gas dell’Uzbekistan operano circa 30 imprese industriali che producono prodotti come benzina, gasolio, carburante per aerei, vari tipi di oli, bitume, polietilene di vari gradi, gas naturale e liquefatto e apparecchiature chimiche per gas. Il Paese produce oltre 60 miliardi di metri cubi di gas e 8 milioni di tonnellate di idrocarburi liquidi all’anno.

Nel settore energetico, la maggior parte della capacità di generazione (circa l’85%) è ascrivibile a centrali termoelettriche. Allo stesso tempo, nel quadro della transizione verso un’”economia verde”, l’area prioritaria per lo sviluppo del settore dell’energia elettrica è la creazione di moderni impianti solari ed eolici con una capacità totale di 6,7 GW. L’anno scorso, l’Emiratina Masdar e la francese TOTAL Eren si sono aggiudicate una gara per la costruzione di due centrali solari con una capacità di 100 MW, ciascuna sulla base di un partenariato pubblico-privato.

Le imprese dell’industria chimica realizzano più di 170 tipi di prodotti: dai fertilizzanti contenenti fosforo e minerali ai materiali polimerici e ai reagenti per l’energia, dall’industria mineraria dell’oro ai prodotti di protezione chimica per l’agricoltura. L’Uzbekistan è interessato all’organizzazione e all’espansione delle capacità per la produzione di fibre sintetiche, tessuti non tessuti, prodotti chimici domestici.

L’industria elettrica si sta sviluppando attivamente. Oggi quasi tutti i tipi di elettrodomestici vengono prodotti ed esportati con successo, così come ascensori, sistemi di riscaldamento e condizionamento.

L’Uzbekistan esporta annualmente 70-80 tonnellate di oro e può contare su una produzione annua fino a 300 tonnellate di oro e argento.

Grazie alle condizioni naturali e climatiche, il paese coltiva ogni anno più di 26 milioni di tonnellate di frutta e verdura. Allo stesso tempo, l’esportazione di prodotti ortofrutticoli nel 2020 è stata di 1,48 milioni di tonnellate, il che indica ampie opportunità per un’ulteriore modernizzazione degli impianti di trasformazione al fine di creare prodotti a valore aggiunto ed espandere i volumi delle esportazioni.

Siamo interessati ad un’ampia familiarizzazione della comunità imprenditoriale italiana con le attuali opportunità di investimento in Uzbekistan, attraendo tecnologie efficaci per lo sviluppo di industrie e infrastrutture. Stiamo lavorando per ampliare la cooperazione con il Governo e la comunità imprenditoriale italiana. L’11 marzo di quest’anno è stato aperto a Tashkent un ufficio di “Confindustria Uzbekistan”. In collaborazione con la Confederazione, con l’Agenzia per il Commercio Estero e altre strutture italiane, ci stiamo muovendo per organizzare regolarmente eventi bilaterali per far conoscere alla comunità imprenditoriale italiana le opportunità offerte dall’ Uzbekistan.

Allo stesso tempo, la localizzazione geografica dell’Uzbekistan apre agli investitori stranieri non solo l’accesso a manodopera e materie prime, ma anche ai mercati più vicini dell’Asia centrale e dell’Afghanistan.

Uno degli obiettivi principali del governo dell’Uzbekistan è quello di attrarre investimenti diretti esteri e diventare ancor di più un centro di riferimento per l’intera regione dell’Asia centrale. I produttori italiani trarrebbero vantaggio dalla conoscenza dei vantaggi strategici del posizionamento della propria attività in Uzbekistan. Quali sono le attività che state portando avanti per supportare gli investitori stranieri? Quali vantaggi fiscali ci sono?

Per stimolare gli investimenti privati è necessaria la piena libertà nell’attività imprenditoriale. Serve un dialogo costante con le imprese, un lavoro certosino per individuare e superare le barriere che ostacolano lo sviluppo di alcuni settori. Pertanto, si opererà attivamente nei seguenti ambiti: i) formazione di un modello stabile e competitivo dell’economia del Paese, in cui la quota prevalente degli attivi del sistema bancario sarà detenuta da investitori privati; ii) stimolare l’attività di investimento attraverso lo sviluppo di partenariati pubblico-privati e finanziamento di progetti per garantire una crescita accelerata degli investimenti in infrastrutture - un fattore chiave per aumentare l’attrattiva degli investimenti e una crescita economica sostenibile; iii) ottimizzazione di tutti i processi di interazione tra investitori e Stato per eliminare completamente le barriere e gli ostacoli burocratici, anche attraverso la digitalizzazione e la fornitura contactless dei servizi pubblici; iv) drastica riduzione dei costi di transazione, che portano un flussi di capitale dal settore legale a quello ombra dell’economia. I nostri scopi e obiettivi sono principalmente volti a creare incentivi e condizioni in cui sarà redditizio per gli imprenditori lavorare legalmente; v) sviluppo di una strategia di politica degli investimenti focalizzata sui singoli settori più promettenti per l’Uzbekistan, capaci di diventare punti di svolta tecnologica e gettare le basi per lo sviluppo delle forze produttive del Paese nei prossimi 20-30 anni.

Considerando che il clima degli investimenti interessa quasi tutte le sfere di attività del Paese, la gamma delle riforme ha riguardato tutti i settori, compresi quello economico, istituzionale, educativo, sanitario, agricolo, idrico, energetico, dei trasporti.

Ci sono molte opportunità di investimento non sfruttate e catene ad alto valore. In particolare, nel settore dell’agricoltura, il sistema di lavorazione, stoccaggio e trasporto dei prodotti agricoli non è completamente sviluppato, sia per il mercato esterno sia per quello interno, ma stiamo già mettendo a punto nuovi promettenti modelli per sviluppare il potenziale del settore.

Separatamente, vorrei segnalare l’iniziativa di creare cluster di esportazione nelle regioni dell’Uzbekistan. Molti grandi produttori si sono uniti in una forma di cooperazione, concentrando i processi di produzione, lavorazione, stoccaggio, confezionamento, certificazione e logistica in un’unica struttura. Ciò offre una serie di vantaggi: ad esempio, grandi volumi di produzione e fornitura creano l’opportunità di lavorare con contratti futures, il che significa forniture di esportazione stabili e garanzia di ordini per altri produttori più piccoli. Allo stesso tempo, nella struttura del cluster si sta creando un laboratorio di certificazione e controllo qualità, focalizzato su specifici mercati di esportazione promettenti, attirando specialisti da quei paesi con cui si prevede di stabilire l’esportazione.

Un’altra area interessante è l’industria farmaceutica, che ha un fatturato di 1,3 miliardi di dollari e sta crescendo a un tasso medio annuo del 15 per cento. Investitori provenienti da India, Turchia, Germania, Francia, Russia, Ucraina e Bielorussia stanno mostrando vivo interesse per questo settore. Nella regione di Tashkent è iniziata la costruzione di un polo farmaceutico innovativo di ricerca e produzione, il “Tashkent Pharma Park”. Il cluster comprenderà una zona industriale, un tecnoparco e un Politecnico farmaceutico con una propria infrastruttura, costituita da centri di ricerca e laboratori, un vivaio, ed un centro di farmacopea.

Allo stesso tempo, si prevede di attrarre attivamente investitori nell’ambito dei servizi e delle tecnologie che ridurranno al minimo i danni dei lockdown per l’economia, tenendo conto di settori quali i progetti di tecnologia finanziaria, l’istruzione a distanza, la sicurezza informatica, la medicina, la biotecnologia, nonché la digitalizzazione dei processi e delle comunicazioni aziendali.

Gli investimenti nel settore digitale manterranno nel tempo il passo con le tendenze globali, aumentando la capacità di competere con i paesi ad alta tecnologia e di fornire alle giovani generazioni del paese le competenze professionali necessarie nel mercato globale.

Va notato che l’Uzbekistan ha ricche risorse umane. È noto per essere il paese più grande dell’Asia centrale con una popolazione giovane e dinamica, intraprendente e laboriosa. In Uzbekistan ci sono più di 20 milioni di lavoratori qualificati, istruiti e allo stesso tempo relativamente a buon mercato, una forza lavoro che aumenta ogni anno di oltre 500mila persone.

L’Uzbekistan sta cercando di firmare un accordo di partenariato e cooperazione rafforzati con l’Unione europea, per ottenere lo status di beneficiario nel sistema di preferenze SPG+, nonché per aderire all’Organizzazione mondiale del commercio. Cosa significherà il raggiungimento di questi obiettivi per l’Uzbekistan? Quali saranno gli effetti economici che vi aspettate? Come si rifletterà sulla cooperazione commerciale, economica, di investimento, finanziaria e tecnica tra l’Uzbekistan e l’Italia?

L’adesione all’Organizzazione mondiale del commercio è vista come una piattaforma per l’integrazione nel sistema commerciale multilaterale e per lo sviluppo dei legami commerciali ed economici. L’adesione comporterà l’allineamento delle legislazioni nazionali con le norme e le regole degli accordi dell’OMC, la liberalizzazione del regime del commercio estero, il miglioramento del sistema di regolamentazione tecnica, il sistema di applicazione delle misure sanitarie e fitosanitarie. Tutto ciò semplificherà le relazioni commerciali tra l’Uzbekistan ei suoi partner stranieri.

A sua volta, l’accordo di partenariato esteso e cooperazione (EPC) con l’Unione europea è volto a dare un nuovo impulso alle relazioni bilaterali politiche, commerciali, economiche e culturali con l’UE. Consideriamo l’EPC uno degli strumenti per costruire una cooperazione reciprocamente vantaggiosa, anche attraverso l’attrazione di investimenti europei, nonché beneficiando dell’esperienza europea in settori come i movimenti di capitale, la regolamentazione tecnica, sanitaria e fitosanitaria e la protezione della proprietà intellettuale.

L’Italia avrà un migliore accesso al mercato delle merci e servizi dell’Uzbekistan. Ciò significa che i produttori e gli esportatori italiani avranno nuove opportunità per promuovere i loro beni e servizi nel mercato interno dell’Uzbekistan. A sua volta, l’adesione all’OMC e la firma del EPC darà ai consumatori italiani l’accesso ai beni di qualità dell’Uzbekistan come tessili, frutta e verdura o altri prodotti della nostra repubblica.

Pertanto, questi processi contribuiranno all’ulteriore sviluppo delle nostre relazioni e, come ci aspettiamo, ad un aumento del flusso di scambi e investimenti reciproci nonché del numero di joint ventures, stabilendo regole universali nel quadro dei requisiti degli accordi dell’OMC e dell’EPC.

Se desideri ulteriori informazioni o vuoi ricevere una consulenza per avviare un progetto di internazionalizzazione in Uzbekistan compila questo form oppure chiamaci allo 06 5919749.

Fonte: a cura di Exportiamo, di Narmin Rahimova, redazione@exportiamo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
  • Servizi Digital Export
  • FDA
  • Esportare negli USA
  • Exportiamo Academy
  • Esportare in Canada
  • Sito Web
  • Vuoi esportare in sudafrica?
  • Vuoi esportare in russia, Turchia e nei paesi CSI?
  • Esportare in Brasile