Brasile a ritmo di samba e calcio

Brasile a ritmo di samba e calcio
Pubblicità
  • Sei in regola con la FDA?
  • Incoterms 2020 Download
  • Risk Map SACE 2021
  • HongKong

13 Maggio 2018
Categoria: Turismo & Cultura
Paese:  Brasile

Il Brasile è sinonimo di ritmo incredibile, danze, feste, cultura e tanta animazione. Oltre alle celebrazioni, alle tradizioni e ai costumi famosi, ci sono così tante altre cose da scoprire, che si ha quasi bisogno di una mappa del tesoro per trovarle, vediamone alcune insieme!

Quando si parla di Brasile, si pensa immediatamente alla samba, al carnevale, alla spiaggia, alla musica, alla fine dell’anno in riva al mare, a un sacco di cibo e a una cultura molto calda ed energica.

Rio de Janeiro

L’arrivo dell’ultimo giorno dell’anno rappresenta la chiusura di un ciclo, ma è anche il momento di raccordo con l’anno che verrà e che porta con sé buone energie e cambiamenti. Questo momento di passaggio in Brasile è molto più che prendere il bicchiere di champagne e brindare: si ringrazia l’anno passato e si accoglie quello nuovo. In molte città è comune indossare abiti bianchi come simbolo di pace e purificazione spirituale, un antico rituale di influenza africana.

Nelle città circondate dal mare, come nel caso di Rio de Janeiro, è tradizione presentarsi alla regina del mare, Iemanjá, con fiori, candele o qualsiasi altra offerta in modo che tutti i problemi siano portati in fondo al mare e la fortuna si manifesti nel prossimo. Inoltre, è tradizione entrare nel mare e saltare sette onde come sinonimo di forza per superare tutte le difficoltà. Il popolo brasiliano crede che il mare abbia un potere spirituale e il sette sia un numero fortunato: saltare sette onde concederà la forza di superare le difficoltà che potrebbero sorgere.

São Paulo

La naturale vocazione dello stato di São Paulo è il turismo d’affari, nelle sue varie possibilità (congressi, convegni, seminari, fiere industriali, rappresentanze di viaggi, acquisti, ecc.). Circa l’80% dei principali eventi del Brasile si svolgono nello stato di São Paulo.

Ma il turismo a São Paulo non si limita al segmento relativo agli affari: numerosi eventi culturali e sportivi attirano milioni di turisti nello stato, come il Gran Premio di Formula 1 brasiliano, il Festival Barretos-Boiadeiro, il Festival invernale di Campos do Jordão e il Festival dei fiori e della fragola di Atibaia.

Poco più grande della Gran Bretagna, São Paulo ha la reputazione di essere uno stato che accoglie tutti: vivono nello stato più di 70 nazionalità e la città di São Paulo ospita la più grande comunità italiana al di fuori dell’Italia.

La capitale dello stato vanta il titolo di città più grande dell’emisfero australe ed è una delle più popolose del mondo. San Paolo è il centro più cosmopolita del paese, capitale della cultura, della gastronomia, dell’intrattenimento, in particolare della vita notturna, dell’economia, della moda e molto altro.

Il samba

Il samba è senza dubbio il ritmo tradizionale che segna il cuore del popolo brasiliano. Ma qual è la sua origine e cosa rappresenta? È nato sotto la forte influenza degli afrobrasiliani immigrati dalla regione di Bahia verso la metà del XX secolo e ha ottenuto grande popolarità nella città di Rio de Janeiro. Nel samba vengono armonizzati i suoni di strumenti come la chitarra, il “cavaquinho”, il tamburello, il pianoforte e il sassofono.

Il calcio

Il calcio è lo sport più praticato in Brasile e la cosiddetta “scuola di calcio brasiliana” è nota per la sua creatività, fluidità e stile di gioco offensivo. Ad esempio, il dribbling è una parte essenziale del suo stile.

Sembra che il calcio praticato nella regione meridionale del Brasile sia più combattivo e difensivo, simile a quello dei paesi limitrofi come l’Argentina e l’Uruguay; mentre il calcio praticato nelle regioni del Sud-Est e del Nord-Est sia più audace e offensivo, perché in queste aree si dà priorità alle dribles, i giochi d’effetto.

Lo sapevate che…

i brasiliani utilizzano espressioni calcistiche per parlare e spiegare le cose che accadono loro? Per esempio, quando sono confusi da qualche situazione, dicono che è ora di fermare la palla e guardarsi attorno per avere un’idea delle diverse alternative del “gioco”; quando fanno qualcosa di sbagliato, diono di aver “calpestato la palla”.

Fonte: a cura di Exportiamo, di Claudia Cezar, redazione@exportiamo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
  • Servizi Digital Export
  • FDA
  • Vuoi esportare in russia?
  • Esportare negli USA
  • hong kong
  • Voucher Internazionalizzazione-Invitalia
  • Esportare in Canada
  • HongKong- Innovative
  • Sito Web
  • Bonus Pubblicità 2021
  • Vuoi esportare in sudafrica?
  • Come Operare in Modo Sicuro in Russia?
  • Vuoi esportare in russia, Turchia e nei paesi CSI?
  • Esportare in Brasile