5 consigli per migliorare il tuo E-commerce internazionale

5 consigli per migliorare il tuo E-commerce internazionale
Pubblicità
  • Sei in regola con la FDA?
  • Incoterms 2020 Download
  • Risk Map SACE 2021
  • HongKong

10 Ottobre 2019
Categoria: Digital Export

Sempre più spesso, per provare a entrare in un nuovo mercato estero o per incrementare la propria influenza in un Paese dove la propria azienda è già presente, si opta per intraprendere la strada del commercio elettronico, magari lanciando direttamente una piattaforma di proprietà, evitando così di appoggiarsi ai marketplace mondiali leader del settore. Emergere nel complesso panorama delle vendite online non è cosa facile, ma con alcune accortezze potrai migliorare le performance del tuo negozio online.

Ecco dunque 5 consigli utili a migliorare le prestazioni e le conversioni di un ecommerce:

1. Analizzare i dati delle ricerche interne

È dato ormai per scontato che l’analisi dei dati è un punto cruciale per verificare e ottimizzare lo stato di un qualunque sito web e l’eCommerce non fa eccezioni. Tuttavia, uno dei dati che più di tutti può rappresentare una grande opportunità per il proprio negozio online e che molto spesso viene sottovalutato, è rappresentato delle ricerche interne fatte dagli utenti.

Questo dato consente di conoscere quali sono i prodotti che l’utente effettivamente desidera e che non ha trovato all’interno del negozio online. Avere questa informazione può rappresentare un importante vantaggio in quanto permette di conoscere le effettive richieste degli utenti, potendo così offrire i giusti prodotti a chi li cerca.

Da tenere particolarmente in considerazione il fatto che una particolare ricerca assume una diversa valenza se viene eseguita direttamente dalla homepage del sito o dentro a specifiche categorie merceologiche: Nel primo caso potremmo dedurre che l’utente si aspetta di trovare determinati prodotti già nella prima pagina e questo può suggerire di inserirveli in quanto particolarmente desiderati, mentre nel secondo caso è possibile che un determinato prodotto non sia facilmente rinvenibile all’interno di una categoria o sia presente ma all’interno di un’altra che non risulta intuitiva per il visitatore, suggerendo così di spostare il suddetto articolo in una diversa categoria merceologica.

Se il motivo per il quale l’utente non trova il prodotto che cerca è che tale prodotto non è presente nel catalogo, allora si può valutare di inserirlo al suo interno, senza chiedere direttamente al visitatore cosa cerca, domanda che spesso viene erroneamente posta promettendo di fornire ciò che desidera.

2. Prevedi delle sezioni personalizzate

Molti siti non lo prevedono ma è importante implementare una sezione personalizzata, magari direttamente nella homepage, che deve essere “costruita” in base all’utente che in quel momento sta visitando il portale, soprattutto se tale utente è già registrato e conosce l’eCommerce. Quando un utente visita un negozio online infatti, cerca sin da subito i “suoi prodotti”, ovvero gli articoli che effettivamente gli interessano tra tutti quelli presenti nel catalogo.

Questa lista di prodotti potrebbe dipendere dagli interessi che l’utente ha mostrato in passato, il suo genere, il luogo dal quale è connesso al sito, la stagione attuale o qualsiasi altro fattore che può in qualche modo far preferire determinati elementi ad altri.

Mostrare una sezione di questo tipo comunicherà immediatamente al cliente dove può trovare i prodotti che probabilmente sta cercando, così da non fargli perdere tempo: non dimentichiamoci che l’utente online da sempre non ha voglia di cercare, è sostanzialmente pigro e, oggi più che mai si dimostra anche impaziente, fattore da non sottovalutare in un progetto di eCommerce.

3. Offerte a tempo

Prevedere nella propria strategia di marketing offerte attive per un periodo di tempo limitato di tempo può portare un interessante balzo delle vendite in quel dato periodo, soprattutto nei giorni di inizio e fine del lasso di tempo a disposizione dei clienti.

Per promuovere una strategia di questo tipo è fondamentale l’attività di promozione, specialmente nel periodo pre-offerta, nel quale sarà cruciale comunicare efficacemente al pubblico target, attraverso i vari canali nei quali è possibile intercettarlo, che da una specifica data futura sarà attiva un’offerta irresistibile e che lo sarà per un tempo limitato e lo sarà su un numero limitato di articoli. Questo espediente creerà in primis attesa negli utenti e grazie al senso di scarsità derivante dal numero limitato di prodotti porterà molti ad acquistare proprio il primo giorno di lancio dell’offerta.

4. Inserisci una sezione di prodotti in tendenza

Come il precedente, anche questo consiglio è prevalentemente relativo ad aspetti di marketing. Nella maggior parte dei settori merceologici infatti, i potenziali clienti danno molta importanza a ciò che hanno fatto gli altri utenti: sapere quindi quali sono i prodotti più scelti e acquistati rappresenta per il visitatore un incentivo in più per propendere per l’acquisto di un dato prodotto o optare per un altro.

La componente sociale infatti, nonostante si stia parlando di un contesto prettamente digitale, continua a essere un elemento cardine delle decisioni. Basti pensare all’importanza delle recensioni e di quanto queste influenzino positivamente o negativamente le scelte di acquisto.

5. Crea una community

Ultimo consiglio, ma senza dubbi quello che potenzialmente è in grado di generare i risultati migliori, riguarda la creazione di una community: creare un gruppo di persone interessate al proprio settore merceologico o alla propria attività e gestirlo efficacemente in modo che si istaurino dei rapporti e delle conversazioni tra le persone o anche direttamente tra gli utenti e il Brand porta enormi risvolti positivi all’azienda, se gestito nel modo corretto.

La presenza di una community non è solo il fattore più profittevole da implementare ma è anche il più complesso da creare, in particolar modo per ciò che riguarda la corretta gestione del gruppo.

Stai ancora valutando quale tipologia di sito web si adatti maggiormente alle tue esigenze per l’estero? Potrebbe interessarti il nostro articolo in merito alle diverse tipologie adatte all’export. Per ottenere ulteriori informazioni o ricevere una consulenza per valutare le opportunità che il digitale offre alla tua azienda, contattaci scrivendo all’indirizzo digital@exportiamo.it o chiamando al numero 06 59 19 749.

Fonte: a cura di Exportiamo, di Federico Milone, redazione@exportiamo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
  • Servizi Digital Export
  • FDA
  • Vuoi esportare in russia?
  • Esportare negli USA
  • hong kong
  • Esportare in Canada
  • HongKong- Innovative
  • Sito Web
  • Vuoi esportare in sudafrica?
  • Come Operare in Modo Sicuro in Russia?
  • Vuoi esportare in russia, Turchia e nei paesi CSI?
  • Esportare in Brasile