L’Abolizione dei Dazi Industriali in Svizzera dal 1° Gennaio 2022

L’Abolizione dei Dazi Industriali in Svizzera dal 1° Gennaio 2022
Pubblicità
  • Voucher Internazionalizzazione-Invitalia
  • Incoterms 2020 Download

16 Novembre 2021
Categoria: Dogane e Supply Chain
Paese:  Svizzera

Il 1 ottobre 2021 la Svizzera ha approvato un disegno di legge riguardante l’abolizione dei dazi industriali che entrerà in vigore il 1° gennaio 2022. È risaputo che il Paese pratichi dei prezzi medi più elevati degli Stati vicini, in media del 30% in più. Il governo elvetico ha quindi deciso di allinearsi con altri Paesi come Islanda, Nuova Zelanda, Norvegia e Canada per contrastare i prezzi alti attraverso l’abolizione dei dazi industriali.

In generale, anche se i dazi industriali sono bassi, pari all’1.8% circa, per alcuni prodotti, come quelli tessili ed abbigliamento, sono molto più elevati. Non si tratta solo di togliere alla Svizzera l’etichetta di “isola dei prezzi elevati”, ma soprattutto di aumentare la concorrenzialità delle imprese svizzere, diminuendo i costi di produzione a fronte di un aumento dei consumi dovuto ad un maggior accesso al mercato di prodotti importati.

I dazi industriali servivano per proteggere l’industria locale dalla concorrenza estera, ma ad oggi rivestono un ruolo più che altro dannoso per l’economia interna, rincarando l’acquisto delle materie prime importate da altri Paesi.

In particolare, le conseguenze di questo disegno di legge sono la riduzione delle voci doganali per semplificare la classificazione dei prodotti e, di conseguenza, uno sdoganamento meno oneroso per le imprese esportatrici e l’eliminazione dei dazi doganali sulla maggior parte dei prodotti industriali. L’abolizione dei dazi riguarderà anche beni di consumo come biciclette, automobili, prodotti per la cura della persona ecc., ma la semplificazione dei codici doganali non riguarderà alcuni prodotti agricoli di produzione industriale (voci 35 e 38 del sistema armonizzato).

Si ricorda, comunque, che la Svizzera rimane soggetta all’accordo di libero scambio del 1972 che prevede l’emissione del documento EUR1 da parte dell’esportatore e, quindi, impone la prova di origine preferenziale di un prodotto per beneficiare dell’esenzione o riduzione dai dazi.

Fonte: a cura di Exportiamo, di Ambra Quadri, redazione@exportiamo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
  • Servizi Digital Export
  • FDA
  • Vuoi esportare in russia?
  • Esportare negli USA
  • Exportiamo Academy
  • Simest
  • Esportare in Canada
  • Voucher Internazionalizzazione-Invitalia
  • Sito Web
  • Vuoi esportare in sudafrica?
  • Come Operare in Modo Sicuro in Russia?
  • Vuoi esportare in russia, Turchia e nei paesi CSI?
  • Esportare in Brasile