Giordania, Iraq e Palestina Ripartono: le Fiere da non Perdere

Giordania, Iraq e Palestina Ripartono: le Fiere da non Perdere
Pubblicità
  • Esportare negli USA
  • Esportare in Canada
  • Incoterms 2020 Download

28 Luglio 2021
Categoria: Marketing Internazionale
Paese:  Giordania Iraq

Dopo un lungo periodo di stop forzato a causa della pandemia, gli enti pubblici-privati giordani, iracheni e palestinesi stanno organizzando diverse fiere ed eventi internazionali per rilanciare le attività economiche della regione. Scopriamo insieme le principali opportunità.

Giordania

In Giordania, la prima fiera virtuale International Kingdom Expo 2021 si terrà dal 28 luglio al 2 agosto 2021. IKE 2021 è la prima mostra e conferenza internazionale giordana che mira a connettere fabbriche, fornitori di servizi e start-up con il mercato globale attraverso finestre virtuali interattive. L’International Kingdom Expo 2021 è organizzato da Sindyan for Entrepreneurship and Development in collaborazione con la Jordan Investment Commission, la Camera di Commercio della Giordania, e la Camera dell’Industria della Giordania.

L’Expo rappresenta la migliore opportunità per il pubblico di tutto il mondo di comunicare direttamente con gli stakeholder attraverso chat istantanea (scrittura e video live), ottenere presentazioni e video esplicativi. La piattaforma dell’evento combina le regole delle fiere tradizionali con elementi di reti sociali e professionali, attraverso una pagina principale della mostra, una conferenza virtuale di accompagnamento, stand virtuali per ogni produttore, azienda, fornitore di servizi o prodotto esportabile e sale riunioni virtuali adatto allo scambio di informazioni e alla creazione di partnership e accordi congiunti.

Secondo i dati disponibili Osservatorio Economico MAECI/elaborazioni ICE Amman, l‘Italia è uno dei principali partner commerciali della Giordania. Nel periodo gen/apr 2021 si colloca al 7° posto, esportando merci per 149,9 mln €. Prodotti delle attività manifatturiere, macchinari e apparecchi, metalli di base e prodotti in metallo raggiungono circa il 48% dell’export totale, a seguire prodotti alimentari, bevande e tabacco, apparecchi elettrici, articoli in gomma e materie plastiche con circa il 25% dell’export totale.

Iraq

In Iraq si svolgeranno la Sulaymaniyah Industry and Domestic Fair dal 4 al 7 agosto 2021 e la DBX Sulaymaniyah International Expo dal 25 al 30 agosto 2021.

Nell’ambito del Piano per la Promozione del Made in Italy, ICE Agenzia, tramite l’ufficio ICE di Amman, con competenza su Giordania, Palestina e Iraq, organizza la partecipazione italiana ad entrambe le fiere con uno stand ‘’Punto Italia”, rappresentando aziende italiane con un servizio di informazione/assistenza/catalogoteca.

La Sulaymaniyah Industry and Domestic Fair, specializzata nei settori di costruzioni & infrastrutture, macchine industriali ed energia, comprende varie aree di interesse per le aziende italiane: la ricostruzione in Kurdistan, interrotta negli ultimi anni dal clima di incertezza dovuti alla lotta contro l’ISIS nella regione e all’emergenza COVID, vede ora un nuovo e deciso impulso per il rilancio dei progetti nelle infrastrutture/costruzioni (turistiche, residenziali e governative). Secondo fonti governative nel prossimo triennio 2022/2024 dovrebbero ripartire i lavori di completamento dei progetti in programma: tra i più di rilievo la costruzione di alberghi, centri commerciali, ospedali e centri servizi (privati e governativi) anche nel vicino governatorato di Nineveh (Mosul), città praticamente distrutta durante la guerra e dove la ricostruzione, soprattutto degli edifici privati ripresa nel 2019, è operata prevalentemente da imprese di costruzioni provenienti dal Kurdistan.

La DBX Sulaymaniyah International Expo, invece, giunta alla 14ª edizione, riprende dopo la pausa del 2020, ed è specializzata maggiormente nei settori agroindustria e beni di consumo (prodotti e macchinari).

Il processo di ricostruzione postbellica ed il miglioramento delle condizioni di sicurezza hanno aperto potenzialità in numerosi settori dell’economia irachena, in particolare le infrastrutture, le costruzioni, l’industria manifatturiera, i settori elettrico e delle risorse idriche. La ripresa dell’agricoltura e, in prospettiva, del settore agro-industriale, nonché la volontà di un approccio più sistematico alle energie rinnovabili, all’approvvigionamento idrico e allo smaltimento delle acque reflue da parte delle autorità irachene, offrono possibilità alle imprese italiane di poter accrescere la loro presenza/business in un mercato così importante e sempre attratto dal Made in Italy.

Secondo i dati disponibili Osservatorio Economico MAECI/elaborazioni ICE Amman, l’Italia è uno dei principali partner commerciali dell’Iraq. Nel periodo gen/mar 2021 si colloca all’11° posto, esportando merci per 114 mln €. Motori, generatori e trasformatori elettrici, apparecchiature per la distribuzione e il controllo dell’elettricità, macchine per impiego generale e speciale raggiungono il 46% dell’export totale, a seguire macchine per l’agricoltura e la silvicoltura, tubi, condotti, profilati cavi e relativi accessori in acciaio (esclusi quelli in acciaio colato) con circa l’11% dell’export totale.

Territori Palestinesi

Nell’ambito della V Giornata del Design italiano nel mondo – Italian Design Day, intitolata “Progetto e materia: nuove sfide per la ripartenza sostenibile del Made in Italy”, il Consolato Generale d’Italia a Gerusalemme, ha curato l’organizzazione, in collaborazione con l’Ufficio ICE di Amman, della Mostra dedicata a Vico Magistretti e al designer palestinese Victor Ghattas, che si tiene presso la Arab American University di Ramallah. Grande successo all’inaugurazione del 14 luglio, a cui hanno partecipato la Viceministra Marina Sereni e il Ministro della Cultura Atef Abu Saif.

Secondo i dati disponibili Osservatorio Economico MAECI/elaborazioni ICE Amman, l’Italia è uno dei principali partner commerciali dei Territori Palestinesi. Nel periodo gen/mar 2021 si colloca al 6° posto, esportando merci per 9,1 mln €. Autoveicoli, prodotti da forno e farinacei e altri prodotti alimentari raggiungono oltre il 61% dell’export totale, a seguire apparecchiature di cablaggio, motori, generatori e trasformatori elettrici, apparecchiature per la distribuzione e il controllo dell’elettricità e macchine per impego generale con circa il 14% dell’export totale.

Per ogni approfondimento sulle opportunità del mercato giordano, iracheno e palestinese, è possibile contattare l’ufficio ICE di AMMAN all’indirizzo amman@ice.it

Fonte: a cura della Redazione di Exportiamo, redazione@exportiamo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
  • Servizi Digital Export
  • FDA
  • Esportare negli USA
  • Exportiamo Academy
  • Esportare in Canada
  • Sito Web
  • Vuoi esportare in sudafrica?
  • Esportare in Brasile