Firmato accordo storico tra Mercosur e Unione Europea

Firmato accordo storico tra Mercosur e Unione Europea
Pubblicità
  • Salone Franchising Milano

05 Luglio 2019
Categoria: Dogane e trasporti
Paese:  Brasile Argentina Uruguay Paraguay

Dopo 20 anni di negoziati, Mercosur e Unione Europea hanno siglato un accordo di libero scambio tra i due blocchi. Le informazioni provengono dai Ministeri dell’Economia e degli Affari Esteri.

L’accordo di libero scambio coinvolge i 28 paesi dell’UE e le quattro nazioni del Mercosur (Brasile, Argentina, Uruguay e Paraguay). I due macro mercati riuniscono insieme circa 780 milioni di consumatori.

Nel mezzo della guerra commerciale tra la Cina e gli Stati Uniti, la firma di questo trattato contrasta con l’ondata protezionista che prevale nelle relazioni commerciali globali dall’arrivo di Donald Trump alla Casa Bianca nel gennaio 2017 e apre una nuova era per il commercio mondiale.

Cosa verrà cancellato

  • Una volta pienamente attuato, l’accordo eliminerà le tariffe sul 91% dei prodotti che l’Unione Europea esporta verso il Mercosur in un periodo di 10 anni;
  • Nella direzione opposta, le tariffe del 92% dei prodotti che il Mercosur esporta verso l’Unione Europea saranno ritirate in un periodo di 10 anni;
  • I prodotti agricoli brasiliani, come succo d’arancia, frutta, caffè solubile, pesce, crostacei e oli vegetali vedranno eliminate le tariffe previste fino ad oggi;
  • Gli esportatori brasiliani avranno anche accesso preferenziale a manzo, maiale e pollame, zucchero, etanolo, riso, uova e miele;
  • I prodotti industriali brasiliani beneficeranno dell’eliminazione del 100% delle tariffe di esportazione;
  • I dazi su cioccolatini e i dolci, i vini e le altre bevande alcoliche e analcoliche provenienti dall’Unione Europea saranno eliminati gradualmente.

Quote

L’UE liberalizzerà l’82% delle importazioni agricole del Mercosur. Alcuni prodotti saranno soggetti ad un prezzo stabilito in base alle quote:

  1. Manzo: 99 mila tonnellate;
  2. Uccelli: 180 mila tonnellate;
  3. Carne di maiale: 25 mila tonnellate;
  4. Etanolo: 450 mila tonnellate per uso chimico e 200 mila tonnellate per tutti i tipi di utilizzo;
  5. Riso: 60 mila tonnellate;
  6. Miele: 45 mila tonnellate.

Ci saranno anche quote aperte tra Mercosur e UE per vari prodotti:

  1. Formaggio: 30 mila tonnellate;
  2. Latte in polvere: 10 mila tonnellate;
  3. Formula infantile (latte artificiale): 5 mila tonnellate;

Ci sarà una quota transitoria di 50.000 veicoli esportati dall’UE al Mercosur. Il tempo di questa transizione è di 7 anni.

Aspetti non tariffari

  • L’accordo amplierà il grado di liberalizzazione degli scambi di servizi. Incluso in questo gruppo ad esempio ci sono le telecomunicazioni ed i servizi finanziari;
  • Negli appalti pubblici, ci sarà una maggiore concorrenza nelle offerte pubbliche;
  • Le aziende dell’UE e del Mercosur potranno partecipare a gare pubbliche in entrambi i blocchi;
  • I blocchi si impegneranno a ridurre la burocrazia ed a ridurre i costi negli scambi tra le due regioni;
  • I blocchi si impegneranno a rimuovere gli ostacoli all’e-commerce e a garantire un ambiente sicuro per i consumatori;
  • Il Mercosur e l’UE si impegneranno a ridurre gli ostacoli alle misure sanitarie e fitosanitarie;
  • L’accordo prevede un meccanismo di salvaguardia che consentirà l’attuazione di misure temporanee in caso di un aumento imprevisto e significativo delle importazioni che potrebbe causare danni alle società nazionali e ai produttori agricoli;
  • Secondo l’UE, non ci saranno cambiamenti negli standard di sicurezza alimentare e di salute degli animali del continente - cioè, l’UE continuerà ad essere in grado di impedire l’ingresso di prodotti che non soddisfano questi standard;
  • I blocchi si impegnano a riconoscere la proprietà intellettuale di vari prodotti;
  • Mercosur proteggerà i nomi di 357 prodotti europei come indicazioni geografiche (come il prosciutto di Parma e il vino di Porto);
  • L’UE riconoscerà i nomi dei prodotti tradizionali Mercosur, come la Cachaça brasiliana e il vino Mendoza (Argentina);
  • I firmatari si impegnano in questioni come la protezione ambientale, che include la conservazione delle foreste, il rispetto dei diritti dei lavoratori e la promozione di una condotta aziendale responsabile;
  • L’UE e il Mercosur concordano, in accordo con gli europei, di attuare efficacemente l’accordo di Parigi sul cambiamento climatico, che comprende, tra l’altro, la lotta alla deforestazione e la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra;
  • L’accordo include anche l’obbligo di attuare efficacemente gli standard fondamentali dell’Organizzazione internazionale del lavoro (OIL), che si riferiscono alla libertà di associazione, all’eliminazione del lavoro forzato, all’abolizione del lavoro minorile e alla non discriminazione, tra gli altri.

Resta il timore di spalancare le porte ad una impennata di importazioni di carne bovina da parte degli Stati del Mercosur e permane la resistenza ad aprire settori industriali strategici, come l’auto. Su questi scogli si sono arenate più volte le trattative, anche quando sembravano a un passo dal traguardo. Allo stesso modo, è stata superata con difficoltà anche l’opposizione dei gruppi ambientalisti, che temono una intensificazione della deforestazione del Sud America. 

Ripercussioni in Brasile

Secondo le stime del Ministero dell’Economia brasiliano, l’accordo tra il Mercosur e l’UE “rappresenterà un aumento del PIL brasiliano di 87,5 miliardi di dollari in 15 anni, potrebbe raggiungere i 125 miliardi di dollari“, considerando la riduzione delle barriere non tariffarie e l’aumento previsto della produttività del Paese.

Sempre secondo la dichiarazione del governo brasiliano, l’aumento degli investimenti previsti per il Brasile nello stesso periodo è di 113 miliardi di dollari. E le esportazioni verso l’UE possono crescere di quasi 100 miliardi di dollari entro il 2035.
Secondo le informazioni del ministero dell’Agricoltura, il blocco europeo è attualmente il secondo maggior partner del Mercosur, dietro la Cina. I Paesi sudamericani esportano principalmente prodotti agricoli nell’Unione europea. Gli europei invece esportano prodotti industriali, come ricambi auto, veicoli e prodotti farmaceutici.

Non resta che aspettare l’entrata in vigore di quanto sottoscritto (gli Stati Europei dovranno approvare il testo finale e stessa cosa farà il Parlamento Europeo), e di augurarsi, così come avvenuto per il Canada con il CETA e con il Giappone, che le imprese Made in Italy sappiano approfittare dell’accordo e delle nuove opportunità commerciali che sia aprono in America Latina.

Fonte: a cura di Exportiamo, di Laura Ferrara, redazione@exportiamo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
  • FDA